Attualità
"Quelli del muro"

Giro d'Italia 2022, cresce l'attesa per la tappa trevigiana: tutti sul Muro di Ca' del Poggio!

Grandi ospiti, musica e divertimento. In occasione della tappa trevigiana della Corsa Rosa, tre ore e mezza di diretta da San Pietro di Feletto.

Giro d'Italia 2022, cresce l'attesa per la tappa trevigiana: tutti sul Muro di Ca' del Poggio!
Attualità Conegliano e Valdobbiadene, 17 Maggio 2022 ore 16:44

Giovedì 26 maggio, in occasione della tappa trevigiana della Corsa Rosa, tre ore e mezza di diretta da San Pietro di Feletto su Sky – Bike Channel sul canale 222, su Sportitalia e sulla pagina Facebook di Ca’ del Poggio, con grandi ospiti, musica e divertimento.

Giro d'Italia 2022, cresce l'attesa per la tappa trevigiana

Gli ingredienti per un autentico spettacolo ci sono tutti: grandi ospiti, musica, divertimento. E poi l’indiscusso fascino della Corsa Rosa, che tornerà sul Muro di Ca’ del Poggio, a San Pietro di Feletto (Treviso), per la sesta volta dopo gli splendidi passaggi del 2009, 2013, 2014, 2017 e 2020.

Giovedì 26 maggio, sul canale 222 di Sky – Bike Channel, sui canali 60 e 61 di Sportitalia e sulla pagina Facebook di Ca’ del Poggio, andrà in onda “Quelli del Muro”, una trasmissione in diretta di tre ore e mezza (dalle 12.30 alle 16) che racconterà la magia della Grande Festa Rosa, in programma sull’ascesa di San Pietro di Feletto in occasione della tappa trevigiana del 105^ Giro d’Italia.

“Quelli del Muro” nasce da un’idea di Nazareno Balani e di Alberto e Marco Stocco. “Quelli del Muro” sono anche Eleonora Bottecchia Paolo Mutton, le “voci” della giornata sul Muro. E poi il noto giornalista Marino Bartoletti, uno storico personaggio della radiofonia e della televisione privata nazionale come Valerio Gallorini e la giovane ciclista Nicole D’Agostin, a cui toccherà il commento tecnico.

Ma “Quelli del Muro” sono anche le migliaia e migliaia di appassionati che il 26 maggio verranno ad applaudire il passaggio del Giro. E poi le istituzioni locali, le aziende e le associazioni che da sempre credono nel progetto di una salita ormai iconica che si snoda tra i vigneti del Prosecco Docg, per poi aprirsi su un panorama da cartolina.

LEGGI ANCHE:

Giro d'Italia 2022: 18esima tappa con arrivo a Treviso, passerella finale a Verona

La regia di “Quelli del Muro” sarà affidata a Nazareno Balani, storico regista Rai anche di tante edizioni del Giro d’Italia, che tornerà a San Pietro di Feletto dove nel 2019 ha realizzato “Non so come, ma è successo”, un cortometraggio molto apprezzato - ha vinto anche il Leone di Vetro, istituito dalla Treviso Film Commission, in occasione della 76^ Mostra del Cinema di Venezia - che percorre le quattro stagioni (primavera, estate, autunno e inverno) del Muro di Ca’ del Poggio e lo celebra come simbolo di quattro elementi chiave del territorio: lo sport, l’economia, la religione e la cultura.

Per la salita simbolo della terra del Prosecco sarà un Giro d’Italia da dieci e lode. Dieci come le edizioni dei grandi giri ad essere transitati sull’ascesa di San Pietro di Feletto: alle sei edizioni del Giro d’Italia vanno infatti aggiunti i due transiti del Giro d’Italia Under 23 (2018 e 2021) e gli altrettanti passaggi del Giro Rosa (2014 e 2017).

Il Muro di Ca’ del Poggio - unica salita certificata dalla Federazione ciclistica italiana, dal 2016 gemellata con il Muro di Grammont e dal 2018 con il Mûr-de-Bretagne - ha caratteristiche uniche. Si sviluppa per 1100 metri su strada interamente asfaltata, con pendenza media del 12,3% e punte del 19%. E’ uno strappo deciso, quasi violento, che si candida ad essere tra i momenti più spettacolari del Giro d’Italia.

Sarà, come sempre, una grande festa per migliaia di tifosi che, nella terra in cui il ciclismo è una passione condivisa, accorreranno sul Muro per applaudire, e quasi toccare con mano, i campioni del Giro. Un’emozione verticale che disegnerà una sottile striscia rosa nel verde delle colline ricamate da vigneti. Un evento tutto da vivere, che darà grande impulso alla vocazione turistica e sportiva delle colline del Prosecco.

In cima al Muro di Ca’ Poggio è anche a pronta a tornare, in tutto il suo splendore, la Grande Festa Rosa, un evento nell’evento che le restrizioni dovute alla pandemia avevano fortemente limitato durante il passaggio del Giro d’Italia 2020. In attesa del transito dei ciclisti, il Giardino del Poggio accoglierà gli appassionati con stand enogastronomici, dj set e musica dal vivo, grandi ospiti e testimonial d’eccezione. Senza dimenticare lo show-cooking di Stefano Serafini, campione della Tiramisù World Cup 2021 che realizzerà una versione creativa del celebre dessert, con fragole e crema rosa, proprio per omaggiare il passaggio del Giro d’Italia. L’accesso sarà libero, a partire dalle 10.30, con ampi parcheggi ai piedi del Muro.

Una spettacolare terrazza con una veduta privilegiata sul Giro d’Italia numero 105 che si articolerà in 21 tappe e 3445 chilometri, collegando idealmente Budapest, da dove è scattato il 6 maggio, e l’Arena di Verona, dove la grande kermesse si concluderà il 29 maggio, tre giorni dopo il transito sul Muro di Ca’ del Poggio.

Cdpb_Ganna
Foto 1 di 5
Cdpb_Vendrame
Foto 2 di 5
Cdpb_Sagan
Foto 3 di 5
Ca' del Poggio_Quelli del Muro_b
Foto 4 di 5
Cdpb_Almeida
Foto 5 di 5
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter