Attualità
Treviso

I genitori sono no vax ma i figli vogliono vaccinarsi: "Vogliamo tornare a vivere"

I ragazzi tra i 12 e i 17 anni si sono rivolti all'Azienda sanitaria del territorio. Secondo il primario, casi simili sono molti in Italia.

I genitori sono no vax ma i figli vogliono vaccinarsi: "Vogliamo tornare a vivere"
Attualità Treviso, 19 Agosto 2021 ore 15:08

Un conflitto famigliare, sul tema dei vaccini, che diventa un caso emblematico utile per capire come la campagna vaccinale sia, alcune volte, un vero e proprio "campo minato" disseminato di criticità. Problemi che poi devono essere risolti.

I genitori sono no vax ma i figli vogliono vaccinarsi: "Vogliamo tornare a vivere"

Come il caso balzato agli onori della cronaca che si è verificato a Treviso dove i figli di una coppia, per tornare a vivere, hanno espressamente chiesto di sottoporsi al vaccino anti Covid. Ma mamma e papà, entrambi no vax, si sono opposti. E la situazione è precipitata in un preoccupante stallo, spostando, poi, inevitabilmente il confronto su un altro livello, coinvolgendo le autorità sanitarie che dovranno ammorbidire la posizione di mamma e papà.

In campo le autorità sanitarie per "ammorbidire" i genitori no vax

Inutile dire che la propria salute debba essere un diritto, ma anche quella degli altri lo è. E che il vaccino sia un modo per tutelare i più fragili (oltre a chi riceve il siero) è ormai cosa nota. Ma non a tutti, evidentemente, arriva il messaggio... E quindi spetta ora ai vertici sanitari locali il compito di far capire ai genitori no vax che il diritto a una vita normale va tenuto in considerazione.

Obiettivo immunità in vista del ritorno a scuola...

L'Ulss della marca trevigiana ha stimato che entro l'8 settembre 2021 il 57,7 per cento dei residenti con età tra i 12 e i 19 anni avrà ricevuto la seconda dose. Ma questi numeri lasciano aperti dubbi sul rientro in sicurezza a scuola: l'obiettivo, infatti, era di raggiungere almeno il 65 per cento.