Attualità
Raccolta firme

Pista per levrieri a Maserada sul Piave: petizione per ritirare la concessione per la costruzione

Il comune di Maserada sul Piave, provincia di Treviso, ha dato in concessione all’Enci un’area nel parco Parabae allo scopo di costruire una pista ovale per le corse di levrieri.

Pista per levrieri a Maserada sul Piave: petizione per ritirare la concessione per la costruzione
Attualità Treviso, 09 Maggio 2022 ore 16:29

L'associazione "Pet Levrieri onlus" ha realizzato unaa petizione per chiedere al sindaco e alla giunta di Maserada sul Piave di ritirare la concessione per la costruzione della pista per levrieri .

Pista per levrieri a Maserada sul Piave: petizione per ritirarne la concessione

L'associazione "Pet Levrieri onlus" ha realizzato una petizione online su "Change.org"  che ha già raggiunto 23.267 firme su un tetto massimo di 25mila. L'associazione invita tutti a unirsi a loro nel chiedere al Sindaco e alla Giunta del Comune di Maserada sul Piave di ritirare la concessione per la costruzione della pista per levrieri a Maserada sul Piave. Come si legge nella petizione:

"Il comune di Maserada sul Piave, provincia di Treviso, ha dato in concessione all’Enci un’area nel parco Parabae allo scopo di costruire una pista ovale per le corse di levrieri. La concessione ha una durata di 15 anni con un canone annuo di 4000 euro, per un investimento dichiarato da parte dell’Enci di oltre 160.000 euro. L’obiettivo è lecito, e non c’è molto da eccepire sul piano legale, dal momento che la pista sarebbe dedicata a corse amatoriali, anche se con 160.000 euro in ballo il termine stona. Al là del fatto che le corse amatoriali sono legali, storicamente le corse dei cani attirano spesso interessi illeciti, cioè scommesse clandestine, al di là della volontà e della responsabilità degli organizzatori".

In Europa ci sono levrieri impiegati in corse cosiddette amatoriali

Stefania Traini presidente e fondatore Pet Levrieri onlus ha puntualizzato:

"Inoltre la presenza di questa pista e le iniziative connesse, aperte anche ad altri paesi europei, potrà incentivare l’importazione di greyhound da paesi come l’Irlanda, alimentando l’industria del greyhound racing che sfrutta ed elimina migliaia di cani ogni anno. Sappiamo già che in Europa ci sono levrieri impiegati in corse cosiddette amatoriali che vengono acquistati in Irlanda dall’industria del greyhound racing. Illegale non è, ma immorale certamente: chi acquista uno di questi cani in Irlanda aiuta un’industria crudele e sanguinaria".

L'associazione ha concluso:

"Per concludere, non vediamo buone ragioni per giustificare un’iniziativa del genere, che dal punto di vista di chi ha cuore il benessere dei cani non può che avere conseguenze negative per i levrieri oltre che poco lusinghiere e, probabilmente, poco remunerative per il territorio. Confidiamo che il Sindaco e la Giunta Comunale possano accogliere questo nostro appello, facendo una scelta saggia e lungimirante, tutelante il benessere dei levrieri, già oltremodo sfruttati nel racing, nel coursing e nella caccia a vista nel Regno Unito, in Irlanda, in Portogallo e Spagna".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter