Davanti alla Grigolin

Presidio dei sindacati per Aziz: "Una strage che va fermata!"

Ritrovo davanti alla Grigolin di Ponte della Priula, dove ieri è morto in un tragico incidente il 23enne senegalese, e incontro con i vertici aziendali.

Attualità Conegliano e Valdobbiadene, 22 Luglio 2021 ore 16:44

Oggi, giovedì 22 luglio 2021, il presidio unitario davanti allo stabilimento e l'incontro coi vertici aziendali
Mauro Visentin, segretario generale CGIL Treviso.

Presidio dei sindacati per Aziz

Ancora una morte sul lavoro: a perdere la vita Aziz Diop, dipendente della ditta Fornaci Grigolin di Susegana. E ancora una volta i Sindacati, insieme, non stanno a guardare.

Oggi, giovedì 22 luglio 2021, il presidio unitario davanti allo stabilimento e l'incontro coi vertici aziendali
Mauro Visentin, segretario generale CGIL Treviso:

"Non possiamo più continuare a registrare questi episodi. Si cambi passo, affrontando in maniera decisiva il tema della sicurezza nei luoghi di lavoro"

Zanoni (Pd): "L'indignazione non basta!"

“Appena due giorni fa la manifestazione regionale per chiedere più sicurezza sul lavoro e ieri l’ennesima vittima, la quinta da inizio anno in provincia di Treviso. Una strage davanti alla quale l’indignazione non può bastare”.

LEGGI ANCHE: Sindacati uniti in piazza per chiedere più sicurezza sui luoghi di lavoro

Andrea Zanoni, consigliere regionale PD, torna sull’incidente accaduto ieri a Ponte della Priula alle Fornaci Grigiolin, dove ha perso la vita un operaio di 23 anni che stava effettuando lavori di pulizia su un silos.

“È un tema a cui non viene data la giusta importanza e che invece deve essere messo al centro dell’agenda politica. Il vero rischio è che con la necessità di ripartire ‘a mille’ per recuperare il terreno perduto da inizio pandemia ci sia un allentamento delle misure di sicurezza e il numero degli infortuni, in forte crescita, ci lascia questo dubbio. Non ci stancheremo mai di chiedere più formazione, maggiore attenzione da parte delle imprese e controlli costanti e accurati da parte delle istituzioni.

Controlli che passano da un aumento degli organici: dove sono i tecnici Spisal promessi da Regione e Ulss 2? Concordo - aggiunge in chiusura - con la proposta dei sindacati, rilanciata dal nostro segretario provinciale Zorzi: vincoliamo l’accesso alle risorse del Pnrr a quelle imprese che rispettano non solo i contratti, ma anche salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. La buona occupazione, quella che crea sviluppo per il territorio, non può prescindere da queste basilari condizioni”.

4 foto Sfoglia la gallery