Menu
Cerca
VIABILITA'

Sistemazione di via Piave a Lancenigo, lavori da 320mila euro fra un anno

Sono previste due rotatorie e la messa in sicurezza della carreggiata a beneficio di tutti coloro che risiedono e circolano nella zona

Sistemazione di via Piave a Lancenigo, lavori da 320mila euro fra un anno
Attualità Treviso, 04 Maggio 2021 ore 17:18

Il comune di Villorba ha approvato il secondo stralcio del progetto di fattibilità per i lavori di sistemazione di via Piave a Lancenigo nel tratto da via Selghere a via Monte Grappa.

Punto nevralgico

L’opera pubblica in questione, che è inserita in un più complesso ed articolato progetto di riqualificazione del
tratto stradale tra via Selghere e via Monte Grappa, è inserita nell’annualità 2022 del programma triennale di
investimenti e corrisponde al secondo stralcio di un più ampio intervento che porterà alla realizzazione di due
rotatorie. Per i 320mila euro di spesa prevista è stato chiesto un contributo alla Provincia di Treviso.

“La Giunta ha dato il via libera all’allargamento di un tratto di via Piave in località San Sisto, per mettere in sicurezza il transito degli utenti più deboli della strada e per allargare la carreggiata stradale. Il  progetto di fattibilità tecnica ed economica per l’allargamento di Via Piave – ha commentato Marco  Serena, sindaco di Villorba – nel tratto da Via Selghere a Via Monte Grappa prevede una spesa complessiva di 320.000 euro (IVA esclusa) per la quale l’Amministrazione Comunale procederà alla  presentazione della domanda di ammissione al contributo della Provincia e una volta ottenuto si è  impegnata a garantire la copertura finanziaria per la parte complementare allo stesso contributo.

Il  prossimo fronte d’intervento, anche sostituendosi agli obblighi assunti alcuni anni fa da dei privati,  sarà quello dedicato a realizzare un’ulteriore parcheggio nell’area corrispondente a quelli dei lavori  approvati, per dare finalmente risposta ad un’esigenza fortemente sentita in zona, in particolare dai  genitori che accompagnano i loro figli alla locale scuola primaria e dalle attività commerciali ivi insediate”