Attualità
Lutto

Trovato morto l'ex attaccante nigeriano Omolade: aveva militato anche nel Treviso

Dal 2000 al 2017 Akeem Oluwashegun Omolade ha militato nel Treviso, nel Torino, nel Novara, nella Reggiana, nel Gela, nel Barletta e poi in Sicilia.

Trovato morto l'ex attaccante nigeriano Omolade: aveva militato anche nel Treviso
Attualità Treviso, 14 Giugno 2022 ore 14:07

Il mondo del calcio è in lutto. Akeem Oluwashegun Omolade, nigeriano, ex attaccante del Toro, icona dell'anti razzismo è stato trovato morto nella giornata di ieri 13 giugno 2022, nell'auto di un amico che si trovava nel mercato storico di Ballarò in via Martoglio a Palermo.

L'intervento dei soccorsi

Sul posto sono intervenuti subito i soccorsi ma a nulla sono valse le cure, è deceduto sul colpo senza avere la possibilità di arrivare nel nosocomio cittadino. La salma è stata portata nell’istituto di medicina legale del Policlinico e sul decesso stanno indagando i carabinieri con la procura del capoluogo siciliano che ha disposto l’autopsia per cercare di chiarire le cause che hanno portato alla morte dell'ex attaccante. Il corpo non presenta lesioni esterne, quindi è stata esclusa la morte violenta.

I malori

Da quanto emerso l'uomo ha avvertito un dolore ad una gamba e più volte nel corso dell’ultima settimana si sarebbe sottoposto a controlli medici in ospedale, senza però riuscire ad avere una diagnosi certa sulla causa del dolore. A quanto pare avrebbe dovuto sottoporsi all’ennesimo esame proprio nella mattinata di ieri, ma il suo cuore ha spesso di battere prima del suo ritorno in ospedale.

La carriera

Come riporta Prima Torino, dal 2000 al 2017 Akeem Oluwashegun Omolade ha militato nel Treviso, nel Torino, nel Novara, nella Reggiana, nel Gela, nel Barletta e poi in Sicilia, dove ha giocato con le maglie di Mazara e Ribera prima di chiudere la carriera nell’Altofonte.

Il 39enne si era trasferito in Italia già da qualche tempo insieme anche alla sua bimba, continuava a giocare a calcio e lavorava come traduttore in tribunale. Un brutto infortunio lo aveva costretto a giocare nelle categoria minori lasciando la serie A.

Durante una partita era stato bersagliato da cori razzisti e i suoi compagni di squadra per solidarietà nella gara successiva erano scesi in campo col volto dipinto di nero.

"Era molto ben voluto - raccontano gli amici - Era una persona sempre disponibile. Ha fatto tanto bene in questi anni".

Il cordoglio

Il club granata, sul sito ufficiale ha dichiarato:

"Il Presidente Urbano Cairo e tutto il Torino Football Club partecipano sentitamente al dolore della famiglia Omolade per la scomparsa di Akeem Omolade, ex calciatore granata. Arrivato al Toro dal Treviso, Omolade ha militato dapprima nella formazione Primavera e successivamente in Prima Squadra, esordendo in Serie A con i granata il 2 febbraio 2003 nella sfida contro l'Inter. Ai suoi cari, ai parenti e ai tantissimi amici l’affettuosa vicinanza di tutto il mondo granata".

(Foto di copertina: pagina Facebook Coppa d'Africa 2023 - '25 - '27)

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter