FELICE RICORRENZA

Un'altra centenaria a Casa Marani. Anche nonna Avellina supera il secolo di vita

E' la quarta ospite dell'Ipab che compie 100 anni, grande festa con gli operatori e i parenti che l'hanno salutata da vicino

Un'altra centenaria a Casa Marani. Anche nonna Avellina supera il secolo di vita
Attualità Treviso, 04 Maggio 2021 ore 17:11

A Casa Marani oggi è un giorno di festa: un’altra ospite, infatti, ha spento 100 candeline. Si tratta di Avellina Cecconato, nata ad Arcade il 4 maggio 1921.

Festa "a norma"

4 foto Sfoglia la gallery

Una signora determinata e dinamica, che per decenni ha coltivato la sua passione per la bicicletta. Dal 2019 è entrata a far parte della famiglia di Casa Marani, dove oggi ha incontrato i parenti ed è stata festeggiata da ospiti e operatori con torte, brindisi e mazzi di fiori. L’incontro con figli e nipoti è avvenuto nel pieno rispetto delle norme anti-contagio tramite apposite postazioni, come box e manicotti, che consentono il contatto fisico con gli anziani. Nonna Avellina oggi entra nel gruppo delle ultracentenarie di Casa Marani, che sono quindi quattro fra i nuclei di Villorba e Paese.

Famiglia e bicicletta

Nata in una famiglia di contadini, da giovanissima iniziò a lavorare in filanda ad Arcade. Nel dicembre del 1941, durante la Seconda guerra mondiale, si sposò, in un bellissimo giorno di sole che ancora ricorda. Dall’unione con il marito nacquero 3 figli, che l’hanno resa nonna di 6 nipoti e 5 pronipoti. Donna dalla forte personalità, è sempre stata molto attiva, soprattutto in sella alla sua adorata bicicletta, con la quale ha macinato chilometri e chilometri. La centenaria è entrata a Casa Marani nel giugno 2019 come centro diurno, per poi diventare ospite residente a febbraio 2020.

Per festeggiare l’importante traguardo raggiunto, la Direzione e tutto il personale di Casa Marani, rispettando i protocolli di sicurezza anti Covid-19, hanno organizzato un rinfresco con torta e brindisi nel giardino della struttura, al quale hanno partecipato ospiti e operatori. La presidente Daniela Zambon e il direttore Eddi Frezza hanno donato alla centenaria un mazzo di fiori, portandole gli auguri delle amministrazioni comunali di Arcade, dov’è nata, e di Villorba, dove viveva prima di entrare a Casa Marani.