L'attacco

Vignettista trevigiano minacciato e insultato sui social per un'immagine satirica sulla Pasqua

Beppe Fantin è stato preso di mira dopo aver postato una vignetta ironica sulla Resurrezione di Cristo

Vignettista trevigiano minacciato e insultato sui social per un'immagine satirica sulla Pasqua
Pubblicato:

Il vignettista trevigiano Beppe Fantin è stato oggetto di minacce sui social media a causa di una vignetta satirica pubblicata il giorno di Pasqua, domenica 31 marzo 2024.

Vignettista minacciato sui social per un'immagine satirica sulla Pasqua

Il giorno di Pasqua, il vignettista trevigiano Beppe Fantin ha condiviso sui social una vignetta ironica sulla Resurrezione di Cristo. Il disegno raffigurava e due donne all'interno di un sepolcro a forma di uovo di cioccolato, mentre un angelo chiedeva spiegazioni.

Beppe Fantin

Nonostante alcuni abbiano apprezzato la satira, altri l'hanno criticata con insulti e minacce di morte, inviati sia pubblicamente che privatamente.

Sotto alla vignetta su Instagram tanti i commenti contro il vignettista:

"Beppe sempre apprezzo le tue vignette..ma questa no!! É una Bestemmia ti consiglio di toglierla é molto grave", scrive un utente.

"Toglila per favore hai preso in giro la morte e la Resurrezione di Nostro Signore Gesú Cristo (ti consiglio di guardare il Film La Passione di Cristo, fino alla fine e ti assicuro che non ti verrà più voglia di fare questo tipo di vignette."

Alcuni commenti sotto alla vignetta su Instagram

A questi commenti il vignettista ha risposto:

"Guardavo il Gesù di Zeffirelli nel 77, ho guardato la passione di cristo di Gibson e stsera su tv2000 mi guardo Risorto. Ma non toglierò la vignetta visto che il cristo si starà facendo una risata. I problemi sono altri. Ad esempio la cattiveria. Buona Pasqua"

Alcuni commenti sotto alla vignetta su Instagram

Tra i commenti però non sono mancate anche le minacce alcune delle quali, si apprende, sarebbero state inviate anche in privato. Gesto che ha spinto il vignettista a rivolgersi alla polizia postale per identificare chi gli abbia scritto dietro profilo anonimo.

La replica di Fantin

Il giorno seguente poi, su Facebook, Fantin ha scritto un post in cui si è sfogato:

"Minacciato, offeso e l'augurio di bruciare all'inferno. Tutto per una vignetta che avrebbe fatto sorridere anche il Cristo. Allora... a parte l'inferno che non mi spaventa e chissà magari li ci trovo tanti amici e ricomincio a fumare...ma voi parlate di ipocrisia? Voi vi permettete di farmi la morale sulla chiesa?

Vi state nascondendo davanti alla cancellazione della nostra religione, vi state piegando davanti al divieto di esporre crocifissi in classe, alla sostituzione della festa di Natale con la festa d'inverno, accettato di sostituire Gesù con Cucù nei canti natalizi, non sono più i lavoretti dei bambini per Pasqua ma i lavoretti per la festa di primavera, siete stati zitti quando hanno bannato le statue dei nostri artisti famosi nel mondo, avete dato il consenso per chiudere le scuole in occasione della festa del ramadan, accettate la carne Halal nelle mense scolastiche...E FATE LA MORALE A ME? Vorrei mandarvi a fa****o...ma oggi è festa. Ci penserò domani. Curatevi."

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali