Cronaca
Conegliano

Accelera alla vista dei Carabinieri e innesca l'inseguimento: 52enne era in possesso di droga

Alla prima favorevole occasione, i militari riuscivano a bloccarlo in condizioni di sicurezza ed a sottoporlo ad un controllo accurato dal quale emergeva che il soggetto stava guidando senza patente.

Accelera alla vista dei Carabinieri e innesca l'inseguimento: 52enne era in possesso di droga
Cronaca Conegliano e Valdobbiadene, 19 Aprile 2022 ore 14:13

Nella serata dello scorso 15 aprile, in San Pietro di Feletto, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Conegliano, hanno arrestato un 52enne del luogo, disoccupato, per detenzione ai fini spaccio di stupefacenti e resistenza a P.U..
I militari, durante un posto di controllo lungo la SP 635 in località Bagnolo, notavano un’autovettura Ford Focus che marciava in direzione Conegliano, il cui conducente, alla loro vista, accelerava repentinamente l’andatura.

Accelera alla vista dei Carabinieri e innesca l'inseguimento

Insospettiti da tale anomalo comportamento, si ponevano all’inseguimento del mezzo, che accelerava sempre più, per circa 20 minuti e per oltre una decina di chilometri, durante i quali il fuggitivo effettuava diverse manovre pericolose, rischiando di provocare degli incidenti con altre autovetture. Alla prima favorevole occasione, i militari riuscivano a bloccarlo in condizioni di sicurezza ed a sottoporlo ad un controllo accurato, dal quale emergeva che il soggetto stava guidando senza patente, perché gli era stata revocata. Sottoposto a perquisizione personale, veniva trovato in possesso di una decina di grammi di cocaina.

A questo punto si decideva di estendere la perquisizione alla sua abitazione, dove veniva rinvenuto:

  • un altro quantitativo di analoga sostanza stupefacente, per un totale complessivo di oltre 20 grammi, ulteriori 18 grammi di hashish e 15 grammi di semi di marijuana;
  • sostanza da taglio;
  • un bilancino di precisione per la pesatura delle dosi e materiale per il confezionamento.

Una volta chiarita la vicenda, il soggetto veniva posto agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida che veniva celebrata nella giornata di ieri, avanti al GIP del Tribunale di Treviso, che disponeva la misura della presentazione giornaliera alla P.G..

Seguici sui nostri canali