Cronaca
Polizia locale

Beccata a imbrogliare all'esame per la patente, ingoia l'auricolare e finisce in Pronto soccorso

Giornata di esami scritti movimentata ieri alla Motorizzazione civile di Treviso. Due casi in rapida successione, nei guai un 25enne e una 40enne. Si facevano suggerire le risposte dall'esterno tramite auricolare e smartphone.

Beccata a imbrogliare all'esame per la patente, ingoia l'auricolare e finisce in Pronto soccorso
Cronaca Treviso, 01 Dicembre 2021 ore 10:27

Due episodi ieri in rapida successione alla Motorizzazione civile di Treviso. Due denunce.

Beccata a imbrogliare all'esame per la patente ingoia l'auricolare

Cercavano di farsi suggerire dall’esterno le risposte all’esame scritto della patente di guida. Ieri mattina, martedì 30 novembre 2021, due persone sono state fermate dalla Polizia Locale in seguito alla segnalazione dei funzionari della Motorizzazione Civile di Treviso: durante due distinte sessioni di esami scritti per il conseguimento della patente di guida, sono stati infatti intercettati due candidati intenti a farsi suggerire le risposte tramite auricolare.

Il dispositivo elettronico

Il primo episodio si è verificato alle 9.30 quando dagli uffici della Motorizzazione è partita la richiesta di un controllo dei candidati: uno dei presenti aveva infatti con sé un dispositivo elettronico. Gli agenti del pronto intervento hanno sorpreso un 25enne del Ghana residente a San Pietro Mussolino (Vicenza) che non solo era in possesso di un auricolare ma anche un cellulare ben nascosto da utilizzare per collegarsi con un complice all’esterno che, una volta compresa la situazione, si è dato alla fuga.

Ha ingoiato l'auricolare

Il secondo intervento, decisamente più rocambolesco, è avvenuto due ore più tardi quando è stata richiesta nuovamente una pattuglia del pronto intervento per un caso analogo. Una donna di 40 anni, di nazionalità indiana e residente ad Istrana, alla vista degli agenti ha tolto l’auricolare e l’ha ingoiato. La candidata è stata così trasferita al Pronto Soccorso: per le dimensioni dell’oggetto i medici non l’hanno ritenuta in pericolo di vita.

Oltre all’auricolare gli agenti hanno rinvenuto anche un piccolo cellulare ben nascosto che doveva servire per ricevere le informazioni dall’esterno. Ora sono in corso indagini per individuare i due complici. Per i due soggetti è scattata la denuncia per tentata truffa aggravata, reato che prevede la pena della reclusione fino a 5 anni.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter