Protesta

Berco Castelfranco, i sindacati: “Stato di agitazione e domani sciopero di 8 ore”

I sindacati esprimono la preoccupazione dei lavoratori: "Non rinviabile un confronto serio sulle prospettive produttive dell’azienda".

Berco Castelfranco, i sindacati: “Stato di agitazione e domani sciopero di 8 ore”
Castelfranco, 23 Settembre 2020 ore 13:33

Il comunicato diramato dalle Segreterie Provinciali di Fim Cisl – Fiom Cgil – Uilm Uil Ferrara, Segreterie Provinciali di Fiom Cgil – Fim Cisl – Uilm Uil Ferrara e Treviso e RSU BERCO Copparo e Castelfranco Veneto.

La preoccupazione dei lavoratori

“Come discusso nelle assemblee sindacali dello scorso 18 settembre, le vicende legate alla Thyssenkrupp – Berco preoccupano le lavoratrici e i lavoratori e necessitano di assunzione di responsabilità da parte della Direzione aziendale nelle discussioni con le RSU e le Organizzazioni sindacali”.

Lo rendono noto le Segreterie Provinciali di Fiom Cgil – Fim Cisl – Uilm Uil Ferrara e Treviso e la RSU BERCO Copparo e Castelfranco Veneto.

“Confronto non più rinviabile con l’azienda”

“La Rappresentanza sindacale ritiene non rinviabile un confronto serio sulle prospettive produttive dell’Azienda – prosegue la nota dei sindacati – La Direzione aziendale deve confrontarsi pianamente e fornire garanzie in merito a:

  • livelli produttivi e prospettive industriali;
  • organizzazione della produzione e del lavoro chiarendo una volta per tutte la strategia collegata ai diversi impianti produttivi. Non è accettabile una logica per la quale ogni attività può essere mantenuta oppure esternalizzata in base a mere logiche economiche del momento, con lo smantellamento di impianti ancora funzionanti e senza garanzie per il futuro complessivo degli stabilimenti;
  • mantenimento degli attuali livelli occupazionali.

L’annuncio dello stato di agitazione

“In un quadro di profonda incertezza per le scelte assunte dalla Direzione aziendale non è pensabile che venga utilizzata la scadenza della contrattazione aziendale per fare cassa con i soldi delle lavoratrici e dei lavoratori. È inaccettabile il comportamento di una Direzione aziendale che lascia il tavolo perché la Rappresentanza sindacale non accetta la logica di tagliare complessivamente salari e diritti in nome del falso mito del “cambiamento”.

Per queste ragioni, in forza del pieno mandato ricevuto dalle lavoratrici e dai lavoratori in assemblea, i sindacati hanno deciso di proclamare l’apertura dello stato di agitazione e la prima iniziativa di sciopero di 8 ore per l’intera giornata di giovedì 24 settembre. “Le future iniziative di sciopero verranno organizzate e comunicate di volta in volta dalla RSU”, concludono.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità