Rassegna

Castelfranco Veneto, da giovedì inizia il “viaggio nel tempo” curato dall’Archivio Storico

Nove incontri con nove storici di primo piano per approfondire il tema del confine nelle “questioni del nostro tempo”. Ecco CONFINI E NON CONFINI (VIII-XX SECOLO).

Castelfranco Veneto, da giovedì inizia il “viaggio nel tempo” curato dall’Archivio Storico
Castelfranco, 01 Settembre 2020 ore 09:31

Al via la rassegna promossa dall’assessorato alla Cultura del comune di Castelfranco con l’organizzazione a cura dell’Archivio di Storico e della Biblioteca civica.

Presentata ieri

Nove incontri con nove storici di primo piano quale occasione unica per approfondire il tema del confine nelle “questioni del nostro tempo”. Tutto questo è CONFINI E NON CONFINI (VIII-XX SECOLO) la rassegna promossa dall’assessorato alla Cultura del comune di Castelfranco con l’organizzazione a cura dell’Archivio di Storico e della Biblioteca civica. Ieri mattina, lunedì 31 agosto 2020, il direttore dell’Archivio, Museo e Biblioteca, Matteo Melchiorre ha illustrato la proposta.

«Il nostro Archivio storico, che fa parte della Biblioteca, è un autentico tesoro per la Città, tra i più quotati della Regione e disponibile online dal 2015. Dopo lo stop per l’emergenza (l’inizio era previsto a marzo ndr) rilanciamo questa rassegna di nove incontri nella quale interverranno storici di primissimo livello provenienti dalle varie Università Italiane. Un ciclo di incontri unificato dal tema del confine, che intende affrontare un tema tra i più urgenti ed importanti della storia ma anche del nostro tempo. Non solo confini tra Stati ma anche ambientali, sociali, culturali e devozionali».

Si comincia giovedì prossimo

Si parte nei primi tre giovedì di settembre con inizio alle ore 18.30 negli spazi della stessa Biblioteca comunale con l’analisi del MEDIOEVO con Giuseppe Albertoni che approfondirà “L’elefante di Carlo Magno da Baghdad ad Aquisgrana: un viaggio oltre i confini religiosi” (3 settembre). Maria Giuseppina Muzzarelli tratterà “Per una cultura di confini e dei limiti: regolamentazioni dei consumi fra Medioevo ed Età Moderna” (10 settembre) e Silvia Carraro “Il senso di un confine: la reclusione femminile nella Venezia medievale” (17 settembre). Il 24 settembre con Michael Knapton si entrerà nell’ETÀ MODERNA con “Confini e non confini. La terraferma veneziana vista e raccontata dal patrizio Marin Sanudo nel 1483”. Giovedì 1° ottobre Roberta Bragaggia interverrà su “I confini? Sono sempre litigiosi! Storie di pascoli, boschi e comunità della montagna bellunese nel corso del ‘600”. Giovedì 8 ottobre, sempre alle ore 18.30, Silvano Fornasa parlerà su “L’incerto confine tra la vita e la morte. Il miracolo del ritorno alla vita in Età moderna”.

A novembre si entra nell’età contemporanea

Il mese di Novembre sarà invece incentrato sull’ETÀ CONTEMPORANEA con gli incontri in programma nel tardo pomeriggio del venerdì con inizio alle ore 18.30. Venerdì 13 interverrà Egidio Ivetic su “L’Adriatico. Storia di un mare, di una civiltà e dei suoi confini”. Una settimana dopo, Diego Leoni approfondirà “Sconfinamenti. Come fu che una guerra confinata tra le montagne divenne sconfinata”. Il ciclo di incontri si chiuderà venerdì 27 novembre 2020 con Nicola Labanca ed il tema: “Oltreconfine. L’espansione coloniale italiana nel XX secolo”.

Prenotazione obbligatoria

Tutti gli appuntamenti si terranno nel rispetto delle norme sul contingentamento con prenotazione obbligatoria. Gli incontri rivolti a studenti, docenti ed appassionati di storia ma anche all’intera cittadinanza, prevedono una lezione di 40/45’ alla quale seguirà un dibattito ed a cui è associata la presentazione del libro sul tema scritto dallo stesso ospite. Gli incontri che verranno video-registrati per una futura visione, avranno anche il registro delle presenze per eventuali richieste di crediti formativi.  Per prenotazioni e maggiori informazioni Segreteria della Biblioteca: 0423 735690 / info@biblioetcacastelfrancoveneto.tv.it

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità