Treviso

Chiuso per dieci giorni il "Dema's bar" dopo l'ennesima lite tra extracomunitari

Il provvedimento del Questore a tutela di ordine pubblico e sicurezza dei cittadini. Il locale ritrovo abituale di diversi pregiudicati.

Chiuso per dieci giorni il "Dema's bar" dopo l'ennesima lite tra extracomunitari
Cronaca Treviso, 16 Luglio 2021 ore 12:08

Disposto la sospensione della licenza per la somministrazione di alimenti e bevande dell’esercizio pubblico “Dema’s bar”, per motivi di ordine pubblico e di sicurezza dei cittadini.

Chiuso per dieci giorni il "Dema's bar"

Il Questore della Provincia di Treviso ha disposto la sospensione della licenza per la somministrazione di alimenti e bevande dell’esercizio pubblico “Dema’s bar”, per motivi di ordine pubblico e di sicurezza dei cittadini.

Il provvedimento, che prevede la chiusura del locale per 10 giorni, previa notifica da parte del personale della Divisione di Polizia Amministrativa alla titolare dell’esercizio commerciale, decorre da oggi, venerdì 16 luglio 2021.

La sospensione della licenza è la conclusione di un procedimento avviato dopo un ultimo episodio di lite tra cittadini extracomunitari iniziato all’interno del locale e conclusosi nell’adiacente zona esterna, che ha fatto scaturire in uno dei soggetti coinvolti un risentimento di rivalsa tale da spingerlo ad armarsi di coltello per vendicarsi dei suoi presunti assalitori.

Un ritrovo per molti pregiudicati

Il locale è stato oggetto nell’ultimo anno di particolare attenzione da parte del personale della Polizia di Stato, in quanto abituale luogo di ritrovo di diversi pregiudicati. In effetti, anche durante un recente controllo, sono stati trovati all’interno del locale diversi soggetti con precedenti penali, il che ha costituito ulteriore motivo per l’emanazione del provvedimento di chiusura.

Il provvedimento non costituisce, pertanto, una sanzione per l’esercizio pubblico, ma ha natura esclusivamente preventiva a tutela dei cittadini trevigiani. Il provvedimento, in effetti, si è reso necessario per porre fine ad una situazione di rischio per la sicurezza pubblica.