Cronaca
Tragedia

"Ciao Greg": stroncato da un infarto a 33 anni Alessandro Greguoldo, attivista del centro Django

Malore fatale per il ragazzo, originario di Silea. Disposta l'autopsia sul corpo

"Ciao Greg": stroncato da un infarto a 33 anni Alessandro Greguoldo, attivista del centro Django
Cronaca Treviso, 12 Gennaio 2023 ore 10:54

Malore fatale in casa, morto a 33 anni l'attivista trevigiano Alessandro Greguoldo.

"Ciao Greg": stroncato da un infarto a 33 anni Alessandro Greguoldo, attivista del centro Django

E' stato trovato senza vita nella sua casa a Parma l'attivista del centro sociale Django di Treviso, Alessandro Greguoldo, originario di Silea, militante del collettivo Ztl Awake. Stroncato lunedì scorso da un malore improvviso a soli 33 anni.

Greguoldo si era trasferito a Parma per motivi di lavoro, avendo intrapreso una promettente carriera nell'animazione 3D. L'attivista trevigiano era peraltro stato già protagonista - suo malgrado - delle cronache locali, quando nel 2015 aveva subito un violento pestaggio neofascista in Piazzetta Monte di Pietà. All'epoca studiava fuori sede a Milano.

Un rapporto sempre contraddistinto da amore e odio, quello di Alessandro verso Treviso:

"Di certo non è mai stata la mia città - aveva scritto in un testo pubblicato in queste ore dagli attivisti del Cso Django -, non c'ho studiato, non l'ho frequentata particolarmente né mai apprezzata da quasi nessun punto di vista, a parte per la presenza di qualche buon amico e qualche bella osteria. Da quando ho avuto la fortuna di avvicinarmi al collettivo Ztl, la mia visione di Treviso è però completamente mutata, persone che chiamavo gente ora non li chiamo nemmeno amici ma addirittura compagni, persone di cui mi posso fidare ciecamente, meravigliose, con una cultura che a molti invidio e una personalità affascinante sotto ogni aspetto. Persone che hanno risvegliato in me valori che pensavo sepolti, che mi fanno capire giorno per giorno l'importanza di combattere, per se stessi e la collettività, perché è difficile ma non impossibile".

Il 33enne lascia la mamma Ivana e il fratello Francesco. E proprio la famiglia ha deciso di provare a fare chiarezza sulla morte del giovane, per questo nelle prossime ore si terrà un'autopsia sul corpo  di Alessandro. L'ipotesi più accreditata al momento è quella di un fatale arresto cardiaco.

Seguici sui nostri canali