Padernello

Colpito da un telaio di sei quintali, operaio ferito a Paese. Zanoni: “Servono più risorse”

L'operaio ha riportato una frattura scomposta della gamba sinistra. L'esponente del Pd: "Più risorse per aumentare controlli e sanzioni".

Colpito da un telaio di sei quintali, operaio ferito a Paese. Zanoni: “Servono più risorse”
Treviso, 10 Settembre 2020 ore 11:26

L’incidente è avvenuto alla ditta Eurosand di Padernello di Paese.

L’intervento dell’esponente del Pd

“Un altro grave incidente sul lavoro, fortunatamente non mortale. Ma la questione non cambia: dobbiamo investire in formazione e prevenzione, aumentando i controlli e poi rafforzando le sanzioni per chi non rispetta le regole. E la Regione Veneto è ancora indietro, nonostante gli impegni messi nero su bianco”.

Così Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico e candidato alle prossime Regionali del 20-21 settembre nel collegio di Treviso, interviene sull’incidente avvenuto alla ditta Eurosand di Padernello di Paese, dove un operaio ha riportato una frattura scomposta della gamba sinistra, colpito da un telaio meccanico da sei quintali.

“Servono risorse per maggiori controlli”

“Il Patto siglato nel 2018 dalla Regione con le parti sociali per frenare questa piaga deve finalmente prendere forma. Oltre a capillari campagne di informazione e sensibilizzazione, ci vogliono maggiori controlli e sanzioni più severe, ma senza risorse per assumere nuovo personale negli Spisal, anziché limitarsi a sostituire chi va in pensione, restano solo chiacchiere. Con i numeri attuali, in media, un’azienda viene ispezionata una volta ogni 25 anni”.

E ancora:

“Nel 2019 – continua Zanoni – il Veneto è stata la terza regione d’Italia per numero di morti bianche, 98, dietro Emilia Romagna e Lombardia e il calo degli incidenti di quest’anno, 33.078 denunce da gennaio a luglio, è dovuto al lockdown e alla lenta ripartenza. È un’emergenza vera, ben più di altre sbandierate per fini elettorali”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Gite in treno
Curiosità