Distilleria Castagner

Coronavirus: nasce “Alto Grado 71”, la grappa spray “protettiva” – FOTO

E' una grappa ad alto grado alcolico, 71° gradi, da usare come spray per ottenere un effetto protettivo in gola, “porta di accesso” privilegiata del virus.

Coronavirus: nasce “Alto Grado 71”, la grappa spray “protettiva” – FOTO
Treviso, 13 Marzo 2020 ore 15:07

E’ l’ultimo prodotto della Distilleria Castagner, che a breve verrà testato in alcune gastronomie trevigiane.

Coronavirus: nasce “Alto Grado 71”, la grappa spray protettiva

Riporta all’antico significato del nome grappa, Acquavite, ovvero “acqua di vita”, l’ultimo prodotto della Distilleria Castagner. Grappa Alto Grado 71 è infatti un distillato che riunisce in sé innovazione tecnologica e antico sapere contadino, per cui la grappa era uno spirito medicamentoso. Un prodotto completamente nuovo, la cui finalità primaria non è quella degustativa ma, come rivela la sua altissima gradazione (71° alcolici), quella “protettiva” e preventiva. L’epidemia globale in corso ha, di fatto, completamente mutato le abitudini quotidiane di tutti noi, anche alla luce delle indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità che sottolinea come lavarsi ripetutamente le mani e pulire gli ambienti sia il più efficace modo per inibire la proliferazione del virus Covid-19. L’alcool ad alta gradazione alcolica (tra 60° e 80°), in particolare, risulta il mezzo sterilizzante più efficace.

Antica tradizione veneta in soccorso

Da questa constatazione scientifica e rifacendosi in parte dell’antica tradizione veneta, Roberto Castagner ha realizzato, con i suoi tecnici, un nuovo tipo di grappa ad alto grado alcolico, 71° gradi, da usare come spray allo scopo di ottenere un effetto protettivo in gola, la “porta di accesso” privilegiata del virus.

“Sì, in questo momento davvero difficile per i cittadini italiani ho pensato a quale utilità potesse avere la grappa da sempre vicina alla gente, in ogni momento, anche in quelli più difficili – spiega il mastro distillatore Roberto Castagner – la grappa, dal punto di vista chimico, è un alcol con aromi, quelli dell’uva.

In particolare, il SARS-CoV-2, virus che sta contagiando il mondo intero diffondendo un’epidemia chiamata Covid-19, si propaga maggiormente per via respiratoria con incontri ravvicinati con persone contagiate; anche le mani, se infettate e portare alla bocca e agli occhi, sono veicolo di contagio. Da queste constatazioni scientifiche, ho realizzato con i miei tecnici (il progetto è partito il 22 febbraio 2020 subito dopo il Premio Fuoriclasse a Piero Angela) un nuovo tipo di grappa ad alto grado (85° circa in distillazione e 71° nel flacone in vendita) da utilizzare come spray per proteggere labbra, bocca e gola; in pratica le stesse finalità e vantaggi di lavarsi le mani con l’alcol. Non è stato facile realizzare in poco tempo questa nuova produzione perché la grappa doveva avere un’alta gradazione per essere efficace, ma non essere troppo aggressiva e difficile da tenere in bocca.

Alla fine, dopo 10 giorni di duro lavoro, abbiamo distillato in maniera innovativa la grappa e nel contempo abbiamo messo a punto l’erogatore ideale per nebulizzare il più possibile le goccioline di grappa”.

La Grappa Alto Grado 71 – è bene sottolinearlo – non è un medicinale e non va inteso come tale, ma è un distillato innovativo ideato per ottenere un’azione protettiva, a scopo puramente preventivo, della gola. Per questo, la Grappa Alto Grado 71 è prodotta in formato spray: grazie ad un perfetto nebulizzatore, le microscopiche goccioline di grappa vengono vaporizzate e distribuite uniformemente in gola, purificando il cavo orale con poche spruzzate (la dose ideale è di 3 – 6 spruzzate per volta). Cinquanta vaporizzazioni di Alto Grado 71 corrispondono a un bicchierino di grappa. L’effetto dura per circa 30 minuti e il contenitore da 5 cl eroga circa 130 nebulizzazioni.

Azione protettiva presto a disposizione dei consumatori

Un prodotto la cui azione è dunque puramente protettiva, grazie ad una grappa ideata e distillata appositamente per questa funzione, che ora Roberto Castagner si appresta a mettere a disposizione del consumatore:

L’impianto sperimentale ieri ha prodotto e confezionato i primi 500 flaconi – prosegue l’imprenditore trevigiano –nella provincia di Treviso abbiamo individuato 4 gastronomie per fare subito il test al fine di sentire il commento dei clienti. Dai primi riscontri, i titolari in primis sono rimasti stupiti e compiaciuti di trovare questa opportunità e di poterla proporre alla loro clientela. Il mio grazie va anche a loro per aver accettato di essere i primi a raccontare e distribuire questa nostra novità. Alla fine della prossima settimana sarà allestito l’impianto definitivo per questa nuova produzione che verrà proposta anche a tutta la Grande Distribuzione in tutto il territorio nazionale. La grappa quindi c’è ed è più buona dell’alcol”.

Grazie all’innovativa idea di Roberto Castagner, da oggi la grappa non sarà più solo il distillato italiano per eccellenza, ottimo come fine cena, ma molto di più.

Ecco le gastronomie che la testeranno

Le Gastronomie selezionate in provincia di Treviso per un primo test sono:

  • Gastronomia Danesin – Treviso
  • Latteria Moro – Oderzo
  • La Cadomare – San Vendemiano
  • Gastronomia Bonato Roger – Pederobba
6 foto Sfoglia la gallery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità