Preoccupazione

Covid-19 Montebelluna, due nuovi casi di contagio: misure di sicurezza intensificate per le “Shopping Night”

Scelta condivisa nel tavolo convocato stamattina di potenziare la presenza della sorveglianza privata ma anche quella della Polizia locale.

Covid-19 Montebelluna, due nuovi casi di contagio: misure di sicurezza intensificate per le “Shopping Night”
Montebelluna, 27 Luglio 2020 ore 17:35

Shopping night: si intensificano le misure di sicurezza.

Due nuovi casi di Covid-19 a Montebelluna

Si è tenuto questa mattina, lunedì 27 luglio 2020, un incontro tra il sindaco, Marzio Favero, il Comandante della Polizia locale, il dirigente Pierantonio De Rovere ed il rappresentante di Ascom Roberto De Lorenzi, e de Il Mosaico Carlo Taborra, Elisabetta Bresolin e Rossi Danilo per fare il punto sugli Shopping night perché, se la prima serata era andata bene, la seconda ha evidenziato troppe criticità. Da un lato la rissa tra adolescenti, dall’altro, cosa ancora più preoccupante, gli eccessivi assembramenti. Rispetto alla rissa tra ragazzini il Comune attiverà i Servizi sociali al fine di offrire una possibilità di riscatto a soggetti che sono in età evolutiva. Come ha detto il sindaco, “meglio l’educazione che la repressione in questi casi”.

Giro di vite per la “Shopping Night”

Invece, si impongono misure più costrittive per gli Shopping night. Spiega il sindaco:

“Ho molto apprezzato l’onestà intellettuale dei miei interlocutori dell’Ascom e de Il Moisaco. C’era questa mattina la piena consapevolezza che alcune cose erano sfuggite di mano l’ultimo giovedì. Il servizio di sorveglianza privato si è rivelato utile ma non sufficiente. Si sono verificati casi di assembramento che non sono tollerabili perché, purtroppo, il Coronavirus non è andato in latenza. I fatti della cronaca anche recente ci dicono che c’è una recrudescenza. Notizia di queste ore: ci sono due casi anche a Montebelluna, di cui uno relativamente giovane. Per fortuna le condizioni non sono gravi.

E ancora:

“Non è lecito permettersi di sottovalutare la situazione, di qui la scelta condivisa di potenziare la presenza della sorveglianza privata ma anche quella della Polizia locale perché gli agenti pubblici inducono ad un maggiore rispetto delle regole. I fatti sono semplici: non sono i negozi a creare gli assembramenti durante gli Shopping night. Le aggregazioni eccessive si formano nei pressi dei bar. Si è condiviso che è necessario sensibilizzare i titolari: ogni servizio sarà chiamato ad esporre dei cartelli che indicano quali sono le regole delle distanze e richiamino all’uso delle mascherine e degli igienizzanti; devono essere limitati gli accessi all’interno dei bar ma anche dei plateatici. Ad ogni esercente sarà dato il numero di telefono da chiamare in caso di emergenza per attivare gli agenti della Polizia locale in servizio”.

Avviso ai naviganti

E il primo cittadino conclude con un monito:

“In caso di inottemperanza del rispetto delle regole la Polizia locale provvederanno a far chiudere il locale e ad erogare le multe connesse. Dobbiamo essere tutti consapevoli dei fattori di rischio connessi alla pandemia sono ancora presenti e dobbiamo assolutamente evitare gli assembramenti dei cittadini perché un’eventuale ricaduta, anche solo locale, del lockdown sarebbe un autogol clamoroso”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Gite in treno
Curiosità