Cronaca
La rabbia

Cugine morte nell'incidente in A28: il pirata (ubriaco alla guida) è già ai domiciliari

Il commento del Governatore Luca Zaia: "Rispetto l'autonomia del Gip, ma i domiciliari al responsabile pongono quesiti"...

Cugine morte nell'incidente in A28: il pirata (ubriaco alla guida) è già ai domiciliari
Cronaca Conegliano e Valdobbiadene, 03 Febbraio 2022 ore 14:24

“Pur nel rispetto dell’autonomia della magistratura, mi sento di commentare la decisione del Gip di Pordenone di non accogliere la richiesta di custodia in carcere da parte della Procura per la persona che, in un gravissimo incidente, ha investito e ucciso due giovani cugine Venete. Gli arresti domiciliari concessi pongono non pochi quesiti”.

Cugine morte nell'incidente in A28: il pirata (ubriaco alla guida) è già ai domiciliari

Così il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, interviene sugli sviluppi dell’incidente nel quale hanno perso la vita Sara Rizzotto e Jessica Fragasso, le due cugine di Conegliano e Mareno di Piave morte tra i rottami della loro Fiat Panda, centrata da un Suv sull’autostrada A-28. Nell’incidente sono rimaste gravemente ferite anche le giovanissime figlie di una delle due.

“Quesiti – prosegue Zaia – che si pongono anche dal punto di vista umano sia tra i famigliari che nella cittadinanza, e che ho percepito con forza anche in un mio colloquio con il papà di Jessica. Questa tragedia, già così immane, viene vissuta ancora peggio per il fatto che non sia stato preso un provvedimento di custodia cautelare in carcere”.

“La mia – conclude Zaia – è una semplice considerazione, che però possa essere accolta da chi di dovere, anche perché il sentimento comune e la comunità delle due famiglie si aspettavano un provvedimento di maggior rigore”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter