Ulss2 Marca Trevigiana

Distretto Pieve di Soligo, linea dedicata per disagio psichico da Covid-19

Il servizio è attivo da oggi nel Distretto Pieve di Soligo, con un numero dedicato all'ascolto, al supporto e all'aiuto per il disagio correlato alla pandemia.

Distretto Pieve di Soligo, linea dedicata per disagio psichico da Covid-19
Conegliano e Valdobbiadene, 29 Aprile 2020 ore 10:38

Il servizio attivo da oggi, mercoledì nel Distretto di Pieve di Soligo.

Un canale diretto per alleviare la sofferenza psichica

A partire da oggi, mercoledì 29 aprile 2020, è attivo, nel Distretto Pieve di Soligo, un numero dedicato all’ascolto, al supporto e all’aiuto per il disagio correlato alla pandemia Covid19.

“La linea dedicata, attiva nell’ambito del Dipartimento di Salute Mentale – spiega la dottoressa Maria Bianco, direttore dell’Unità Operativa di Psichiatria – è rivolta a tutta la popolazione del Distretto Pieve di Soligo. Ha come finalità sia la collaborazione con la rete territoriale nell’intervento sui fattori di rischio della pandemia Covid-19 (restrizioni, isolamento, perdita di risorse e ruoli, di stress psicologico) sia l’intercettazione precoce di eventuali situazioni di disagio che necessitino di un intervento specialistico nell’ambito del Servizio di Psichiatria”.

Supporto dal lunedì al venerdì

Sarà possibile chiedere supporto, dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 12.00, chiamando il 338.7240791.

“Dell’iniziativa – sottolinea Bianco – sono stati informati anche i Comuni e i Servizi del Distretto, per collaborare con i progetti e le iniziative in atto e in programma a favore della popolazione nell’emergenza Covid19”.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE!

Iscriviti al nostro gruppo Facebook Treviso e Provincia Eventi & News

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Prima Treviso (clicca “Mi piace” o “Segui” e imposta le notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia)

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità