Cronaca
Beccati

Eccoli i vandali che hanno distrutto un'auto a Treviso: sono tre minorenni e un maggiorenne

Quattro ragazzi deferiti all’autorità giudiziaria per danneggiamento. Un 24enne denunciato per favoreggiamento per i fatti accaduti lo scorso 11 luglio.

Eccoli i vandali che hanno distrutto un'auto a Treviso: sono tre minorenni e un maggiorenne
Cronaca Treviso, 26 Novembre 2021 ore 15:23

Dopo una serie di indagini, il Nucleo di Polizia giudiziaria del Comando di Polizia Locale di Treviso ha chiuso le indagini individuando i responsabili dei gravi danneggiamenti

Eccoli i vandali che hanno distrutto un'auto a Treviso

Sono stati individuati i vandali che lo scorso 11 luglio avevano preso di mira un veicolo (insieme ad alcuni bidoni) in sosta in via Manin danneggiandolo seriamente. Dopo una serie di indagini, il Nucleo di Polizia giudiziaria del Comando di Polizia Locale di Treviso ha chiuso le indagini individuando i responsabili dei gravi danneggiamenti.

I responsabili sono tre minorenni ed un maggiorenne, deferiti all’Autorità giudiziaria per danneggiamento aggravato (reato che prevede da 1 a 5 anni di reclusione): un 15enne residente a Treviso, un 17enne di Ponzano, un 16enne residente a San Biagio e un 24enne di Preganziol oltre ad un 24enne di Treviso, quest’ultimo denunciato per favoreggiamento.

«Le indagini, partite dalle immagini della videosorveglianza, sono state lunghe e complesse a causa dei volti coperti dei soggetti», spiega il comandante della Polizia Locale Andrea Gallo. «Grazie all’analisi di centinaia di filmati delle telecamere posizionate in varie parti della città, ai controlli su decine di profili - alcuni anche falsi - presenti su Facebook ed Instagram e all’assunzione di informazioni da una ventina di testimoni è stato possibile stringere il cerchio intorno ai responsabili».

«Il giorno successivo era stato fatto anche un appello affinché si costituissero, anche per alleggerire la posizione e le conseguenze penali degli illeciti, senza ricevere alcun tipo di riscontro», evidenzia il comandante Gallo. «Oltre alla denuncia i responsabili dovranno pure risarcire i danni subiti dall’autovettura che ammontano a qualche migliaia di euro».