Sulla tratta Belluno - Venezia

Evade dai domiciliari e poi ruba una valigia in treno a un turista statunitense

Protagonista dei fatti un 35enne fermato alla stazione di Treviso. Al termine degli accertamenti si è scoperto che la notte precedente era evaso dai domiciliari a Belluno

Evade dai domiciliari e poi ruba una valigia in treno a un turista statunitense
Pubblicato:

Il 26 maggio 2024, la Polizia di Stato di Treviso ha arrestato un cittadino straniero nato nel 1988 per evasione dagli arresti domiciliari nella Provincia di Belluno.

Ruba una valigia in treno

Tutto è iniziato con la segnalazione di un turista statunitense che, dopo aver subito il furto della sua valigia su un treno da Belluno a Venezia, ha riconosciuto il 35enne ancora a bordo del treno con il bagaglio rubato.

I poliziotti della Sottosezione POLFER di Treviso sono intervenuti immediatamente e, una volta che il treno è arrivato in stazione, hanno identificato il ladro e lo hanno condotto negli uffici di Polizia Ferroviaria.

Poi tenta la fuga sui binari

Tuttavia, a pochi metri dagli uffici, l'uomo ha strattonato violentemente i poliziotti e si è dato alla fuga lungo i binari della linea ferroviaria Treviso/Montebelluna. Gli agenti della Polizia Ferroviaria e le Volanti della Polizia di Stato lo hanno inseguito.

Un equipaggio delle Volanti è riuscito a intercettare e bloccare il fuggitivo lungo l'argine del Fiume Sile, dopo che l'uomo aveva attraversato Viale Orleans, Via Benzi e persino scavalcato la recinzione del circolo sportivo "Dopolavoro Ferroviario".

Una volta identificato, è emerso che il 35enne, con numerosi precedenti di polizia, era evaso dagli arresti domiciliari a Belluno durante la notte.

È stato quindi arrestato e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, inizialmente riportato agli arresti domiciliari. Tuttavia, il 29 maggio 2024, a causa della gravità dei fatti commessi, l'Autorità Giudiziaria ha deciso di revocare la misura degli arresti domiciliari e di trasferirlo presso la Casa Circondariale di Belluno.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali