Cronaca
Professionisti delle truffe online

Facevano presa sull'ingenuità, raggiravano e incassavano migliaia di euro

Tre denunce in pochi giorni. E' il risultato di un'importante operazione dei Carabinieri della stazione di Riese Pio X.

Facevano presa sull'ingenuità, raggiravano e incassavano migliaia di euro
Cronaca Treviso, 13 Agosto 2021 ore 13:09

La Stazione Carabinieri di Riese Pio X, nell'ambito di una costante attività di contrasto alle truffe online, ha deferito all'Autorita Giudiziaria 3 persone, responsabilità di altrettante truffe ai danni di ignari cittadini della zona.

Facevano presa sull'ingenuità

Il primo reato ha visto un'impiegata di Loria, tratta in inganno da un pregiudicato della provincia di Napoli, che carpendo con inganno le credenziali d'accesso al suo conto corrente, si è fatto accreditare la somma di 1.900 euro. E ancora, i Carabinieri riesini hanno denunciato un operaio della provincia di Grosseto, che, ingannando una casalinga di Altivole, ha indotto la vittima a comunicargli le sue credenziali bancarie, con le quali acquistava online videogiochi per un importo di 130 euro.

Raggiravano e incassavano

Infine, le indagini dell'Arma di Riese Pio X hanno portato all'identificazione di un giovane della provincia di Napoli, che simulando la qualifica di operatore di Poste Italiane, mediante messaggio diretto all'utenza telefonica di un pensionato riesino, inviava un falso link, con cui lo induceva a versare, in due tranche, la somma di 6.000 euro su una propria carta postepay.

L'appello dei Carabinieri

I Carabinieri invitano i cittadini, in caso di contatti con persone sospette o che comunque chiedono informazioni sui loro conti correnti, a chiedere tempestivamente ausilio, anche per ricevere le giuste informazioni, ai vari Comandi dell'Arma capillarmente dislocati sul territorio.