Menu
Cerca

Festa grande in casa Lilt

Festa grande per la delegazione Lilt di Vedelago che spegne 20 candeline d'attività.

Festa grande in casa Lilt
Cronaca Castelfranco, 28 Marzo 2019 ore 18:12

Festa grande in casa Lilt. Ieri nella delegazione di Vedelago sono stati festeggiati i 20 anni di attività dell’associazione Gruppo volontarie Pro Lilt che opera favore della Lega Italiana Lotta ai Tumori e che, negli anni, ha visto coinvolti oltre 70 volontari guidati dalla presidente Regina Simionato in Bonato. Un impegno costante fatto di impegno e volontariato e che si concretizzata soprattutto nella creazione di lavori e fiori artigianali il cui ricavato è poi devoluto alla stessa Lilt.

L’amministrazione al fianco della Lilt

Alla festa grande per i vent’anni della delegazione della Lilt di Vedelago erano presenti l’assessore alla cultura, Denisse Edith Braccio, il primario di Oncologia e presidente Lilt di Treviso, Alessandro Gava, la fondatrice del Gruppo, Regina Simionato in Bonato, l’oncologo direttore dell’Uoc Breast Unit, Giampaolo Mora, l’ex primario di Cardiologia di Castelfranco Veneto, Leopoldo Celegon, la segretaria dell’Avis di Resana e della Lilt di Castelfranco Veneto, Fernanda Corredato, per la Lilt di Castelfranco Veneto, Laura Condotta, la vicepresidente della iLlt di Treviso, Nelly Raisi.

Le attività della Lilt

Una festa grande che corona un percorso di vent’anni fatti di importanti attività sul territorio. L’obiettivo primario della Lilt è la lotta contro i tumori, intesa in tutti i suoi aspetti. Innanzitutto la prevenzione primaria attraverso campagne informative, pubblicazioni di opuscoli informativi, educazione sanitaria, interventi nelle scuole, eventi, poi quella secondaria attraverso esami e controlli periodici effettuabili presso gli ambulatori delle Sezioni Provinciali. C’è anche il gradino della prevenzione terziaria nella quale la Lilt si fa carico della problematiche che insorgono durante il percorso di vita di chi ha sviluppato un cancro attraverso pratiche quali l’assistenza domiciliare, la riabilitazione fisica e psichica e il reinserimento sociale e occupazionale del malto oncologico.