Menu
Cerca
Montebelluna

Fondo di solidarietà alimentare: erogati oltre 25mila euro di buoni spesa da inizio anno

Alle famiglie montebellunesi 150 mila per il fondo di solidarietà alimentare, sono già 153 le domande presentate dai cittadini

Fondo di solidarietà alimentare: erogati oltre 25mila euro di buoni spesa da inizio anno
Cronaca Montebelluna, 23 Febbraio 2021 ore 16:44

L’importo relativo al Fondo di solidarietà alimentare ammonta già a 25mila euro, conosciuto come “Buoni spesa”, è erogato nel corso della seconda tranche di contributi messi a disposizione del Ministero degli Interni attraverso i Comuni. Una forma di sostegno rivolta alle famiglie in difficoltà, messe ancora più in crisi con l’emergere della pandemia, intaccando i redditi di molti nuclei familiari anche a Montebelluna.

Il Fondo di solidarietà

L’ammontare complessivo destinato alle famiglie montebellunesi è di 150 mila come per la prima tranche e da metà gennaio, quando è partita la seconda fase, sono già 153 le domande presentate dai cittadini. Le domande istruite sono fino 110 e di queste 87 hanno ottenuto esito positivo.

Queste si aggiungono alle 957 domande ricevute nella prima edizione delle primavera 2020, 625 delle quali sono state evase con una media di circa 227,29 di euro in buoni spesa per richiedente rilasciati in tagli da 10, 20 e 25 euro.

Presentare la domanda

La procedura per la richiesta è semplice e, a differenza che lo scorso anno, avviene completamente online. I cittadini interessati non dovranno fare altro che collegarsi alla piattaforma regionale https://veneto.welfaregov.it/landing_pages/veneto/as08/index.html e compilare la richiesta online.

La richiesta, verificata dai Servizi sociali se avrà esito positivo, verrà emesso un voucher che il beneficiario potrà spendere in uno dei 35 negozi montebellunesi aderenti.

I bisogni primari delle famiglie

Interviene il primo cittadino, Elzo Severin:

L’emergenza socio-sanitaria ha portato alla luce situazioni di difficoltà economica prima impensabili con richieste di sostegno da parte di famiglie che prima mai avevano presentato esigenze particolari. L’istituzione del Fondo di solidarietà va proprio in questo senso: dare una risposta concreta e veloce ai bisogni primari delle famiglie più precarie.

In un solo mese è di già oltre 25mila euro il valore dei buoni spesa erogati ed altri 125mila di buoni sono a disposizione per i prossimi mesi”.