Menu
Cerca

Grand Tour di Lorella Cuccarini nelle meraviglie asolane e trevigiane

Ieri sera è andata in onda la puntata girata nei primi giorni d'agosto dalla popolare conduttrice televisiva.

Grand Tour di Lorella Cuccarini nelle meraviglie asolane e trevigiane
Treviso, 24 Agosto 2019 ore 15:00
20 foto Sfoglia la gallery

Grand Tour di Lorella Cuccarini nelle meraviglie asolane e trevigiane. Ieri sera è andata in onda Grand Tour, la trasmissione di Rai1 inserita nel programma Linea Verde condotto da Lorella Cuccarini, con il giornalista e scrittore Angelo Mellone e Giuseppe Calabrese, in arte Peppone, esperto di cucina e di tradizioni culinarie. La trasmissione, nella prima parte dedicata alla Sardegna, ha raccontato e illustrato gli angoli più suggestivi, le tradizioni, e l'arte della buona cucina e del buon bere, del Trevigiano, Bellunese e Vicentino. Si è partiti da Asolo, gioiello del patrimonio veneto al centro della narrazione televisiva, con i tre personaggi televisivi su una terrazza  con il suggestivo scorcio del borgo asolano in notturna. Lorella Cuccarini si è poi spostata sul Sile, in compagnia di Red Canzian, per un'escursione in barca tra le ville venete. Quindi, con Antonella Stellitano, a scoprire le bellezze del capoluogo, Treviso, e delle sue magnifiche mura dipinte, fino in piazza Dei Signori, dove la conduttrice ha incontrato l'atleta paralimpica di volley, Silvia Biasi. Poi a Maser, a Villa Barbaro, a scoprire i segreti e le bellezze della stupenda villa palladiana, con Nicoletta Piovesan. Quindi a Nervesa sorvolando i luoghi della Battaglia, per finire a Valdobbiadene in compagnia di Carlo Caramel, della Canevel Spumanti e a Possagno, terra natia del Canova.. Mellone si è invece inoltrato nel Bellunese, fino a Cortina luogo delle Olimpiadi, passando dalle fucine di spade di Belluno, dal millenario castello di Andraz, dalla miniera dei Vauz che ha ispirato la fiaba di Biancaneve e i Sette Nani, dalla miniera Breda, alla Marmolada e i luoghi della Grande Guerra. La trasmissione si è conclusa nella piazza di Marostica con la suggestiva partita a scacchi vivente.