Cronaca
TROPPI SINISTRI

Incidente sulla Postumia, il Comune di Vedelago chiede un autovelox e limiti più bassi

L'assessore Nicoletti: «La sicurezza è fondamentale. Anche in zona arancione quella strada era molto trafficata»

Incidente sulla Postumia, il Comune di Vedelago chiede un autovelox e limiti più bassi
Cronaca Castelfranco, 17 Maggio 2021 ore 14:57

Il giorno dopo l’ennesimo incidente lungo la Provinciale Postumia, l’amministrazione comunale di Vedelago torna a lanciare un appello per migliorare la sicurezza di una tra le strade più trafficate della castellana.

Deterrenti

Spiega l’assessore alla sicurezza, Roberto Nicoletti: “L’incidente di ieri riporta alla luce un tema che l’amministrazione comunale già da tempo sta cercando di risolvere: quello della sicurezza stradale.

Premesso che la maggior parte degli incidenti avviene per imperizia, distrazione o comportamenti incauti da parte di chi guida come nel caso dell’incidente di ieri che poteva avere conseguenze ben più gravi, è altrettanto vero che l’infrastrutturazione stradale e l’impiego di strumenti che facciano da deterrente all’elevata velocità, possono essere fondamentali per contenere le cause di sinistri.

Per questo ci stiamo muovendo con il Comandante della Polizia locale affinché Prefettura e Provincia autorizzino l’introduzione di alcune misure per migliorare la sicurezza stradale lungo la Postumia”.

Traffico elevato e pochi camion

Il dato di partenza su cui si basano le richieste dell’amministrazione vedelaghese è rappresentato dalla mole del traffico. Secondo le recenti rilevazioni eseguite nel mese di marzo, quando il traffico era comunque limitato a causa delle restrizioni legate al Covid19, si è registrato il passaggio di 16mila veicoli al giorno e l’aspetto interessante è che solo il 20% è rappresentato da mezzi pesanti.

Conclude l’assessore Roberto Nicoletti: "Questo significa che l’apertura della SPV probabilmente poco inciderà sulla mole del traffico lungo la Postumia dove, va sottolineato, in soli 5 km di tratto si contano ben 7 innesti stradali.

Abbiamo presentato due richieste in Prefettura e in Provincia: la possibilità di ridurre la velocità nei pressi di due innesti a sud: quello di via Sant’Anna e quello di via Monsignor Lorenzo Crico, dove ieri è accaduto l’incidente, riducendo l’attuale limite da 90 a 70 km/h; la possibilità di poter installare un autovelox con lo scopo, non tanto di fare cassa, ma di garantire una maggiore sicurezza lungo la Postumia".

La speranza è che Prefettura e Provincia possano accogliere le due richieste. Nel frattempo è previsto un ulteriore monitoraggio del traffico, questa volta lungo la SR53.