Menu
Cerca
Treviso

Incredibile a Treviso, festino sul tetto del condominio scoperto dai Vigili: "E' un flashmob"

I partecipanti, una volta arrivati gli agenti della Locale, non hanno trovato di meglio che dire: "Ma è un flashmob". Conte furioso.

Cronaca Treviso, 19 Marzo 2020 ore 17:55

Un episodio sconfortante ieri sera a Treviso, il sindaco furibondo: "Cose che mi fanno incazzare".

La Polizia locale ha denunciato i partecipanti

Da far cadere le braccia per menefreghismo e, a questo punto, incoscienza bella e buona. Un festino privato è stato scoperto dalla Polizia locale ieri sera, mercoledì 18 marzo 2020, a Treviso. Musica "a palla" degli anni '90. Ma i partecipanti hanno fatto anche di meglio. Vedendosi smascherati hanno provato a "intortare" gli agenti con un puerile quanto patetico "è un flashmob". Tutti denunciati ovviamente.

L'ira del sindaco Conte

Già nei giorni scorsi il primo cittadino Mario Conte aveva "tirato le orecchie" ai trevigiani più indisciplinati, ma stavolta si è passato decisamente il segno.

"Ditemi, parlo per niente? Sto lanciando appelli per il muro o per me stesso? Ecco cos’è successo ieri sera a Treviso: la Polizia Locale ha scoperto un FESTINO PRIVATO con tanto di musica a palla. I partecipanti sono stati identificati e poi DENUNCIATI per violazione del Decreto che vieta gli assembramenti. La scusa? Un flashmob! Ma ci prendiamo in giro? Lo abbiamo detto in tutte le lingue: bisogna STARE A CASA, STARE A CASA, STARE A CASA!!! Ma con il proprio nucleo familiare, non in 15/20! E lo dico anche per tutti quelli che in questi giorni stanno andando dal macellaio a prendere chili e chili di carne per grigliate e scampagnate.

Irresponsabili: così non si fa

"Chissà cosa ne pensano i medici che si stanno dannando l’anima per curare i pazienti in terapia intensiva o a Malattie Infettive. Chissà cosa ne pensano i familiari di chi, purtroppo, ha perso la vita. Chissà cosa ne pensano tutti coloro che devono sacrificare la propria attività. No, signori, così non si fa. Queste sono le cose che mi fanno - perdonatemi il termine - incazzare. I controlli procederanno A TAPPETO, su tutto il territorio comunale, sia con posti di blocco sia con operatori in borghese. La battaglia è dura, serve aiuto, ma qualcuno sembra non averlo ancora capito!!!

TORNA ALLA HOME