Eccellenza

L’azienda trevigiana che insegna ai francesi come piantare le vigne

L'azienda produce 400 mila pali per vigna all’anno, molti di questi finiscono in Francia tra la zona dello Champagne e Bordeaux.

L’azienda trevigiana che insegna ai francesi come piantare le vigne
Treviso, 14 Settembre 2020 ore 16:20

Sika di Casier produce 400 mila pali per vigna all’anno, molti di questi finiscono in Francia tra la zona dello Champagne e Bordeaux.

“Scelti perché capaci di lavorare il Corten, l’acciaio che somiglia al legno”

Che la Marca Trevigiana fosse una delle capitali mondiali del vino grazie al Prosecco era noto. Ma in molti non sanno che nella filiera del vino c’è anche un altro top player. Si tratta della Sika, azienda specializzata in profilati metallici a Casier, a due passi dalle colline di Conegliano e Valdobbiadene. La loro abilità è molto raffinata: sono capaci di realizzare pali per le vigne in acciaio, che però somigliano al legno e per questo piacciono di più a viticoltori e contadini. A Treviso si usa il Corten, un materiale prodotto in un’acciaieria italiana, una vera eccellenza del bel Paese.

L'azienda trevigiana che insegna ai francesi come piantare le vigne

Ne produce circa 400mila all’anno

C’è voluto poco per passare dalle vendite in Italia – quattro anni fa i primi clienti furono i viticoltori che piantavano Prosecco – a quelle all’estero. Molto Canada, dove nella zona della British Columbia si pianta Pinot Grigio, ma anche Australia e Napa Valley, in California. Dopo quattro anni dal lancio dei pali marchiati SIKA in Corten (un metallo vivo: grazie al rame, cromo e fosforo, gli acciai corten hanno la proprietà di autoproteggersi con una patina superficiale che impedisce l’estendersi della corrosione e assume colori e sfumature evocativi dello scorrere del tempo.), adesso la Sika ne produce circa 400 mila all’anno, l’equivalente di 570 ettari coperti (in media, infatti, si piantano 700 pali per ettaro).

“Ma la cosa che più ci dà soddisfazione è il successo che abbiamo in Francia dove c’è l’azienda leader al mondo nella produzione dei pali per vigneti”, spiega Riccardo Secco, uno dei titolari. “Abbiamo realizzato distese di vigne sia nelle pregiate zone dello Champagne, sia in quelle cru di Bordeaux. Siamo orgogliosi di esportare in Francia, dove le bollicine sono nate, il made in Italy del vino. Nel nostro piccolo, ci sembra di essere alleati del Prosecco per dimostrare al mondo che nel Trevigiano sappiamo davvero far bene le cose”.

E ancora:

“Da sempre siamo concentrati sull’evoluzione tecnica mirata alla qualità globale che coinvolge l’intero ciclo produttivo – conclude Secco – dalla progettazione, in collaborazione diretta con il cliente stesso, alla produzione, imballaggio e stoccaggio”.

La scheda

I pali per vigneti SIKA sono ottenuti con acciaio di prima scelta attraverso un processo produttivo di profilatura a freddo, e contraddistinti dall’innovativo sistema punzonatura combinata H+N+H, da una forma più tondeggiante che ne aumenta la resistenza alla flessione e alla torsione. La loro sezione aperta garantisce una buona ventilazione, evitando fenomeni di condensa nella parte a contatto con il suolo, mentre l’elevato spessore della lamiera e la zincatura a caldo eseguita dopo la lavorazione sono ulteriori accorgimenti tecnici che ne attribuiscono un’eccezionale resistenza e durata nel tempo. I pali in ferro per vigneto sono progettati tenendo in considerazione le più moderne esigenze di meccanizzazione, sono configurabili con asole: a “H” a 500mm dal terreno per consentire il fissaggio del tubo dell’irrigazione e per il filo a riposo, a “N” nella parte finale del palo, ottime per evitare la fuoriuscita accidentale dei fili e ad “H”, per facilitare la messa in opera dei fili laterali. Altra particolarità delle asole è quella di essere in linea con il profilo del palo, non venendo così danneggiate dai battitori delle vendemmiatrici. Grazie al particolare profilo che permette di sopportare un carico laterale maggiorato rispetto ai tradizionali pali in acciaio, i pali per vigneto SIKA possono essere posizionati ad una distanza superiore, contenendo così i costi d’impianto.

LEGGI ANCHE:

Colline del Prosecco Conegliano e Valdobbiadene, Sgarbi: “Meglio di un’opera d’arte”

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità