L'incontro

Marcon a Montebelluna: “Urgente una soluzione per IPSSAR Maffioli prima della chiusura delle iscrizioni”

Il Presidente della Provincia, sulla base di quanto emerso dal confronto, comunicherà alla scuola le disponibilità degli spazi a Montebelluna per il prossimo anno scolastico. Ecco dove.

Marcon a Montebelluna: “Urgente una soluzione per IPSSAR Maffioli prima della chiusura delle iscrizioni”
Cronaca Montebelluna, 21 Gennaio 2021 ore 21:30

Oggi in videoconferenza l’incontro per assumere le decisioni per l’allocazione, per il prossimo anno scolastico, delle classi dell’IPSSAR “Maffioli”, succursale di Montebelluna.

Marcon a Montebelluna: “Urgente soluzione per IPSSAR Maffioli”

Si è svolto oggi, giovedì 21 gennaio 2021 in videoconferenza, l’incontro convocato dal presidente della Provincia, Stefano Marcon, con il sindaco di Montebelluna, Elzo Severin, il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale, il Dirigente Scolastico e i sindaci e assessori dei Comuni di Caerano San Marco, Crocetta del Montello, Giavera del Montello, Nervesa della Battaglia, Trevignano, Volpago del Montello, per assumere le decisioni per l’allocazione, per il prossimo anno scolastico, delle classi dell’IPSSAR “Maffioli”, succursale di Montebelluna.

Va ricordato innanzitutto che il 9 luglio 2018 è stato sottoscritto l’accordo di programma tra la Provincia di Treviso ed il Comune di Montebelluna con il quale si prevede la realizzazione di un polo scolastico professionale a servizio dell’area Montebellunese in via Biagi.

Il finanziamento e il bando di gara

La Provincia ha ottenuto un finanziamento di € 8.718.407,60; è stato quindi pubblicato il bando di gara per l’affidamento dei lavori per la realizzazione del nuovo edificio ad uso IPSIA Scarpa e IPSSAR Maffioli con scadenza per la presentazione delle offerte in data 11/01/2021 e previsione di inizio dei lavori nella primavera 2021.

Per tale ragione i prefabbricati in uso all’IPSSAR Maffioli presenti nell’area di cantiere dovranno essere dismessi a partire dalla fine delle lezioni dell’anno scolastico 2020-2021, e possibilmente anche prima, al fine di agevolare e di realizzare con maggiore sicurezza e tempestività le attività di demolizione senza la presenza dell’attività scolastica.

Inoltre la necessità di distanziamento creata dalla pandemia COVID-19, non ha reso possibile l’applicazione dell’accordo del 30 aprile 2019 tra la Provincia, l’Ufficio Scolastico Territoriale ed i Dirigenti degli Istituti, Maffioli, Levi ed Einaudi-Scarpa e per tale ragione l’Istituto Maffioli si è trovato in carenza di spazi idonei all’attività didattica ed è necessario trovare soluzioni temporanee fino alla realizzazione del nuovo edificio.

Scartate le ipotesi Selva del Montello e Casella d’Asolo

Con tale consapevolezza, da diversi mesi, sono state valutate varie ipotesi, segnalate dal Comune di Montebelluna; sono stati effettuati svariati sopralluoghi tra la Provincia, il Comune e il Dirigente Scolastico per visionare possibili spazi (Centro Civico, ex Pretura, auditorium biblioteca, ex negozi zona stazione ferroviaria, capannone zona stazione ferroviaria, altri locali commerciali e appartamenti nella stessa area, negozi in zona centro) risultati non idonei alla destinazione scolastica. Tale indisponibilità è stata ulteriormente attestata dalla nota del Comune di Montebelluna del 1° dicembre scorso che proponeva l’utilizzo dell’ex Scuola Elementare di Selva del Montello che, a seguito di verifiche tecniche, è apparsa non idonea.

Nel corso del lungo incontro di oggi sono state dunque valutate tutte le soluzioni possibili per venire incontro all’esigenza manifestata dai Sindaci dell’area montebellunese che hanno richiesto che, in attesa della realizzazione del nuovo plesso scolastico, la sede dell’Istituto Maffioli non venga trasferita presso l’edificio scolastico ex Sant’Ampollinare di Casella d’Asolo, pur ritenuta adeguata dal Dirigente Scolastico, ma mantenuta a Montebelluna, tenendo conto della provenienza degli studenti iscritti.

La proposte sul tavolo

Nel corso della discussione è stata avanzata dall’assessore all’istruzione del Comune di Montebelluna, Claudio Borgia, una proposta mai esaminata prima di un possibile utilizzo di n. 6 aule, a partire da gennaio 2022, in zona Guarda vecchia, oggi adibite a scuola elementare fino all’ultimazione dei lavori di adeguamento dell’edificio di Caonada.

Il Sindaco Elzo Severin ha quindi avanzato la proposta di ricorrere ai doppi turni per il prossimo anno scolastico, prevedendo lezioni pomeridiane per le classi dell’IPSSAR Maffioli a Montebelluna, presso la sede dell’Istituto Einaudi-Scarpa, il cui Dirigente, nel corso di un recente incontro, ha offerto la disponibilità per il pomeriggio.

Il Dirigente dell’UST, dott.ssa Barbara Sardella, e il Dirigente dell’Istituto Maffioli, prof. Nicola Zavattiero, hanno però espresso la loro contrarietà al ricorso ai doppi turni, che risulterebbero incompatibili con l’organizzazione scolastica. Lo stesso Dirigente Scolastico ha evidenziato altresì, che per la prima parte dell’anno scolastico, fino ad inizio 2022 con la disponibilità degli spazi a Guarda Vecchia, potrebbe disporre un’organizzazione interna di tutte le classi dell’Istituto, utilizzando tutte le sedi disponibili a Castelfranco Veneto, Pieve del Grappa e Montebelluna (laboratori a Guarda e aule del Liceo Levi).

Il Presidente della Provincia, pertanto, sulla base di quanto emerso dal confronto comunicherà alla scuola le disponibilità degli spazi a Montebelluna per il prossimo anno scolastico: da subito gli spazi disponibili presso il Liceo Levi e i laboratori presso il Centro Civico di Guarda; da gennaio sei aule –  previa verifica di idoneità –  presso Guarda Vecchia, con l’impegno a realizzare, qualora necessari, ulteriori spazi aggiuntivi con strutture prefabbricate.

L’ulteriore impegno della Provincia

Inoltre la Provincia ribadisce il proprio impegno a costruire nella stessa area di via Biagi, in ampliamento rispetto al progetto già approvato e finanziato, un nuovo blocco a due piani con aule e laboratorio cucina direttamente collegato all’edificio principale, al fine di ospitare in un’unica struttura l’IPSIA Scarpa e IPSSAR Maffioli. La costruzione di tale corpo di fabbrica comporterà presumibilmente un costo aggiuntivo pari a € 1.500.000,00, e richiederà la deroga da parte del Comune in merito ai parametri urbanistici minimi previsti dal vigente strumento urbanistico ed in particolare relativamente alla superficie a parcheggio.

“La Provincia ha fatto in questi mesi tutto il possibile – commenta in conclusione il Presidente Marcon – per contemperare le esigenze della scuola e le richieste dei Sindaci del territorio non sempre coincidenti. E’ stata verificata, malgrado l’impegno di tutti, l’assenza di soluzioni idonee, immediatamente perseguibili, a Montebelluna, tanto da indurre il Comune a proporre la soluzione di Selva del Montello.  Con l’intesa, seppure difficile, di oggi si garantisce la presenza dell’Istituto Maffioli a Montebelluna in attesa dell’ormai imminente soluzione definitiva, con la realizzazione del nuovo edificio grazie all’impegno della Provincia”.

“Devo esprimere –  conclude Marcon – il mio più sentito ringraziamento alla dott.ssa Sardella e al prof. Zavattiero per lo spirito di servizio e la collaborazione per affrontare una situazione difficile da l punto di vista organizzativo e la disponibilità a perseguire, ancora per qualche tempo, una soluzione logistica certamente non ottimale”.

La nota del comune di Montebelluna

“In merito alla nota della Provincia di Treviso divulgata oggi (ieri per chi legge, ndr.) rispetto all’incontro avvenuto in mattinata per trovare una soluzione per le classi dell’Alberghiero Maffioli attualmente ospitate a Montebelluna ed appresa la non disponibilità dell’Istituto superiore di non fare i doppi turni per i primi mesi del prossimo anno scolastico, l’amministrazione comunale fa presente che in queste ore il primo cittadino Elzo Severin, assieme all’assessore all’istruzione, Claudio Borgia, ai sindaci dell’IPA Montello-Piave-Sile e ai tecnici comunali stanno mettendo in campo tutte le risorse possibili per poter avviare l’anno scolastico 2021-2022 il prossimo settembre conservando le classi del Maffioli nel territorio di Montebelluna, sia attraverso l’eventuale soluzione dei pre-fabbricati, che quella della scuola di Guarda Bassa. L’impegno e il lavoro portato avanti in queste ore è finalizzato a trovare una soluzione definitiva e certa entro lunedì 25 gennaio”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli