Presunto colpevole

Morì per overdose a San Vendemiano, arrestato il pusher della dose letale: sarebbe un 24enne nigeriano

Articolata indagine dei Carabinieri della Compagnia di Conegliano sul decesso del 45enne trevigiano trovato morto nei bagni del Mc Donald’s.

Morì per overdose a San Vendemiano, arrestato il pusher della dose letale: sarebbe un 24enne nigeriano
Conegliano e Valdobbiadene, 23 Ottobre 2020 ore 11:19

Eseguita dai Carabinieri un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Treviso a carico di un cittadino nigeriano 24enne

La tragedia circa un anno fa a San Vendemiano

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Conegliano, al termine di un’articolata indagine, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Treviso a carico di un cittadino nigeriano 24enne, per i reati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e morte come conseguenza di altro delitto.

Morì per overdose a San Vendemiano, arrestato il pusher della dose letale: sarebbe un 24enne nigeriano

Le indagini dei militari dell’Arma sono scaturite a seguito del decesso del 45enne Leonardo Bottan, il cui corpo esanime era stato rinvenuto nella serata del 12 ottobre 2019 all’interno dei bagni del Mc Donald’s di San Vendemiano. Le investigazioni, svolte con il coordinamento della Procura della Repubblica di Treviso che si è avvalsa anche della collaborazione del laboratorio di tossicologia forense dell’azienda ULSS di Mestre, hanno consentito di acclarare come il presunto responsabile di aver cagionato la morte del Bottan per overdose di eroina, quale conseguenza non voluta dell’attività di spaccio svolta in favore del 45enne, sia stato proprio lo straniero arrestato.

L’elevata pericolosità dell’indagato

Grazie ad accurati riscontri incrociati sui “contatti” dello spacciatore, all’analisi delle riprese dei sistemi di videosorveglianza della zona e da ulteriori accertamenti tecnici, sono stati raccolti dagli operanti gravi e concordanti indizi di colpevolezza a carico dello straniero. Emergeva come il nigeriano fosse un punto di riferimento per i tossicodipendenti della zona, assai noto nel “giro” che i Carabinieri sono riusciti a “penetrare“ per fare piena luce sulla morte del Bottan quale spacciatore di cocaina ed eroina e, in particolare, anche della cosiddetta “eroina gialla”, sostanza dall’elevatissima tossicità. Il Giudice per le Indagini Preliminari ha confermato, sulla scorta dei riscontri raccolti dai Carabinieri coneglianesi, successivamente validati dalla Procura della Repubblica trevigiana, oltre alla criminale professionalità dimostrata dall’indagato nel gestire i propri traffici illeciti, anche la sua indubbia pericolosità, proprio tenuto conto dell’elevata tossicità dello stupefacente che con spregiudicatezza criminale lo straniero “trattava”, assolutamente noncurante delle gravissime conseguenze che potevano derivarne, per effetto dell’assunzione, per i clienti finali.

Perquisito a casa e portato in carcere a Treviso

Il pusher, rintracciato e sottoposto a perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di 5.300 Euro in contanti, 4 grammi di sostanza stupefacente del tipo eroina e svariati telefoni cellulari e schede telefoniche, materiale tutto posto sotto sequestro. Condotto presso gli uffici della Compagnia di Conegliano per la notifica del provvedimento restrittivo a suo carico, lo straniero è stato infine tradotto alla Casa Circondariale di Treviso.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità