Cronaca
Nubifragio

Pioggia, grandine e venti a 110 km/h: notte da incubo nella Marca. Ora si fa la conta dei danni

Scoperchiata la scuola elementare di San Polo di Piave e molte case, la grandine poi ha danneggiato moltissime auto 

Pioggia, grandine e venti a 110 km/h: notte da incubo nella Marca. Ora si fa la conta dei danni
Arcade Aggiornamento:

Il presidente del Veneto Luca Zaia ha firmato lo stato di emergenza, ma resta alta l'allerta anche per le prossime ore

Pioggia, grandine e venti a 110 km/h: notte da incubo nella Marca. Ora si fa la conta dei danni

Scoperchiato il tetto della scuola elemetare di San Polo di Piave, stessa sorte anche per diverse abitazioni; le auto invece sono state danneggiate dalla grandine che ha mandato in frantumi vetri e lunotti o dai rami degli alberi sdradicati dal forte vento che, secondo i dati arpav, ha sfiorato i 100 km/h.

 

tronchi
Foto 1 di 6
alberi caduti
Foto 2 di 6
protezione civile sgombero
Foto 3 di 6
via Tronconi
Foto 4 di 6
rami
Foto 5 di 6
vigili del fuoco
Foto 6 di 6

Il violento nubifragio che si è abbattuto in tutto il territorio della provincia di Treviso ha colpito la fascia che da Treviso sale verso San Biagio, Pederobba, Cimadolmo, Asolo, Montebelluna, Valdobbiadene, Conegliano e Oderzo raggiungendo tutta l'area Pedemontana. Per gestire l'emergenza maltempo e ripristinare quanto prima le condizioni di sicurezza sulla rete viaria, la provincia ha allertato e attivato sin dalla mezzanotte le squadre della Protezione Civile provinciale che, in stretta collaborazione con i Vigili del Fuoco e le Forze dell'Ordine, hanno monitorato l'evoluzione metereologica iniziando le operazioni urgenti di ripulitura, sgombero dai rami e messa in sicurezza della viabilità.

 Oltre 140 le chiamate al 115

Non solo Veneziano e Vicentino quindi, il maltempo ha investito anche la Marca. Le prime gocce di pioggia accompagnate da un forte vento, che aveva creato anche dei mulinelli nell'aria, avevano già fatto capolino ieri, mercoledì 12 luglio 2023, in mattinata. Poi era tornato il caldo. Stanotte invece sono state oltre 140 le chiamate di soccorso per rami, pali e piante abbattute. Eseguiti oltre 50 interventi, in corso la verifica e l’esecuzione delle altre richieste. Interessata tutta la provincia con una concentrazione d’interventi a: Treviso, Cimadolmo, Salgareda, Susegana, Arcade. Danni ingenti e coltavizioni in ginocchio.

vvf tempo
Foto 1 di 6
auto
Foto 2 di 6
tempovvf1
Foto 3 di 6
3tempovvf
Foto 4 di 6
tv
Foto 5 di 6
Treviso città
Foto 6 di 6

 

Seguici sui nostri canali