Intervento dei carabinieri

Pusher con divieto di dimora in Veneto viene intercettato a Montebelluna, scatta l'arresto

Nonostante il provvedimento ricevuto dopo essere stato beccato a spacciare cocaina e hashish, un 43enne è stato individuato in provincia di Treviso e per questo motivo è scattata una misura cautelare

Pusher con divieto di dimora in Veneto viene intercettato a Montebelluna, scatta l'arresto
Pubblicato:
Aggiornato:

Uno spacciatore 43enne è stato portato in carcere per aver violato il divieto di dimora in Veneto. I carabinieri hanno anche effettuato altri due misure in provincia.

Trovato a Montebelluna nonostante il divieto di dimora in Veneto

Nelle ultime ore, i Carabinieri della Compagnia di Montebelluna hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Treviso contro un 43enne di origini marocchine.

Questo provvedimento è stato adottato dopo che i militari hanno rilevato la violazione del divieto di dimora nella Regione Veneto, imposto allo straniero lo scorso aprile dalla stessa Autorità Giudiziaria. Le indagini dei Carabinieri, condotte negli ultimi tre anni, avevano documentato numerose cessioni di cocaina e hashish da parte del 43enne.

A San Biagio di Callalta, i Carabinieri della locale stazione hanno arrestato un 51enne di origini genovesi in ottemperanza a un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dal Tribunale di Venezia.

L’uomo è stato trasferito alla casa circondariale di Treviso, dove sconterà una pena di 2 anni e 10 mesi per reati contro il patrimonio commessi tra il 2001 e il 2017 nella provincia di Venezia.

Infine, i Carabinieri della Stazione di Pieve di Soligo hanno deferito in stato di libertà un 55enne di origini marocchine, regolarmente presente sul territorio nazionale, per aver violato un provvedimento di divieto di ritorno nel Comune, emesso dalla Questura di Treviso nel giugno del 2022. Il 55enne è stato fermato in Piazza Vittorio Emanuele II da una pattuglia di militari dell’Arma in servizio perlustrativo.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali