Lutto

Rara polmonite: addio al dottor Di Stefano, luminare della Chirurgia spinale a Treviso

Il noto medico si è spento ieri nel reparto di Malattie Infettive del "suo" ospedale. Originario di Noventa Padovana, viveva a Silea.

Rara polmonite: addio al dottor Di Stefano, luminare della Chirurgia spinale a Treviso
Treviso, 25 Agosto 2020 ore 11:14

Se n’è andato a 70 anni il dottor Vincenzo Di Stefano, punto di riferimento all’ospedale di Treviso.

Il cordoglio dell’Ulss2

“Una persona capace e di grande umanità, una persona voluta bene da tutti e apprezzata per le sue qualità professionali”.

Così viene ricordato il dottor Vincenzo Di Stefano dal direttore generale dell’Ulss 2 Marca trevigiana, Francesco Benazzi.

“Il dr. Di Stefano ha guidato con competenza la Neurochirurgia di Treviso ed è stato tra i massimi esperti di Chirurgia Spinale – continua Benazzi – La sua vocazione di medico lo ha portato a partecipare a varie missioni umanitarie che come detto hanno sempre dimostrato la sua grande umanità”.

Rara polmonite: addio al dottor Di Stefano, luminare della Chirurgia spinale a Treviso

Una rara forma di polmonite

Aveva 70 anni il dottor Di Stefano e se n’è andato ieri mattina, lunedì 24 agosto 2020, a causa di una rara forma di polmonite causata dalla legionella. Il suo corpo senza vita è stato trovato senza vita nel reparto di Malattie Infettive del Ca’ Foncello. Un aggravamento repentino e inaspettato delle sue condizioni di salute l’ha strappato all’affetto di familiari ed amici. E stando alle prime diagnosi (ma decisiva sarà l’autopsia) non ci sarebbero collegamenti con il Coronavirus.

La storia

Originario di Noventa Padovana, ma residente a Silea, Di Stefano aveva lavorato all’ospedale di Treviso per 40 anni, sino a diventare un vero e proprio punto di riferimento della Neurochirurgia e ad ottenere così l’incarico di responsabile dell’unità di Chirurgia spinale. La meritata pensione l’aveva raggiunta solo due mesi fa.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità