Polizia di Stato

Razziarono il fondo cassa di una farmacia a Conegliano: individuati i due responsabili

L'episodio, avvenuto in via Istria, risale allo scorso anno. Si tratta di due georgiani classe 1966 e 1974. Denunciato anche un 44enne per ricettazione.

Razziarono il fondo cassa di una farmacia a Conegliano: individuati i due responsabili
Conegliano e Valdobbiadene, 12 Novembre 2020 ore 17:01

I poliziotti del Commissariato di Conegliano hanno scoperto e individuato due stranieri responsabili di furto.

Il furto nella farmacia di Conegliano

Nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura di Treviso i poliziotti del Commissariato di Conegliano hanno scoperto e individuato due stranieri responsabili di furto, pregiudicati e con vari alias, itineranti per il Veneto, i quali a Conegliano in via Istria avevano razziato il fondo cassa di una farmacia ad ottobre dello scorso anno.

Il modus operandi è risultato identico ad altri episodi delittuosi: uno dei due aveva distratto il titolare, fingendo un malore all’interno dell’esercizio, per permettere al complice di sottrarre indisturbato il denaro dalla cassa. Si è arrivati ai due malviventi, ripresi dalla immagini dalla videosorveglianza interna, grazie al prezioso contributo della polizia scientifica, che aveva proceduto all’analisi delle impronte su una bottiglia usata dai malviventi.

Si tratta di due georgiani

Si tratta di due cittadini georgiani, classe 1966 e 1974, pluripregiudicati per reati contro il patrimonio, senza fissa dimora, di cui uno già con il divieto di dimora dalla Regione Veneto. A L.B., con vari alias, pluricondannato per reati contro il patrimonio a partire dal 2011, detenuto in carcere, è stato già notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari.

Altra indagine sui furti  San Vendemiano

I poliziotti del Commissariato in altra indagine ha deferito nei giorni scorsi un cittadino, di nazionalità libica, classe ’76 , responsabile di aver ricettato alcune biciclette ed un monopattino rubati presso un’abitazione a San Vendemiano. Il proprietario aveva sui siti di annunci riconosciuto la propria bicicletta rubata, che era stata già rivenduta a stretto giro ad un ignaro acquirente.

LEGGI ANCHE:

Lavoro “nero” e violazione norme anti Covid nella Marca: 21 irregolari trovati e due aziende chiuse

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità