Due nuovi casi

Ricoveri Covid Treviso, 71enne in Terapia intensiva e 85enne in Malattie infettive: non erano vaccinati

La più anziana avrebbe contratto la malattia dalla figlia, anch'essa non vaccinata. Benazzi: "Così ripartono i contagi, chi non l’ha ancora fatto si vaccini".

Ricoveri Covid Treviso, 71enne in Terapia intensiva e 85enne in Malattie infettive: non erano vaccinati
Cronaca Treviso, 15 Luglio 2021 ore 11:00

Si tratta, in entrambi i casi, di persone non vaccinate che sono attualmente ricoverate, rispettivamente, in Terapia Intensiva e in Malattie Infettive.

Ricoveri Covid Treviso, due nuovi casi al Ca' Foncello

Due nuovi ricoveri per Covid al Ca’ Foncello di Treviso. Si tratta, in entrambi i casi, di persone non vaccinate che sono attualmente ricoverate, rispettivamente, in Terapia Intensiva e in Malattie Infettive. La situazione più complessa riguarda un 71enne no vax, con patologie, ricoverato nel reparto diretto dal dr Antonio Farnia.

LEGGI ANCHE: Medici non vaccinati in Veneto: ecco quanti sono in ogni provincia

In Malattie Infettive è stata ricoverata, invece, una 85enne, che avrebbe contratto la malattia dalla figlia,
anch’essa non vaccinata.

“Questi due nuovi casi segnano da un lato, purtroppo, la ripresa dei ricoveri per Covid e, dall’altro, ribadiscono ancora una volta l’assoluta importanza della vaccinazione, specie per le categorie più fragili ma non solo - sottolinea il direttore generale, Francesco Benazzi -. Anche chi è più giovane infatti può, sia in alcuni casi finire Rianimazione sia infettare i proprio cari più vulnerabili, come dimostra il caso della paziente 85enne contagiata dalla figlia.

Invito chi finora ha rinviato la vaccinazione a prenotarsi: nei giorni scorsi abbiamo aperto sul portale oltre 50mila nuovi posti. Ricordo inoltre che c’è la possibilità, per tutti coloro che hanno partecipato o devono partecipare ad eventi, cerimonie, manifestazioni, di andare a fare il tampone ai Covid point gratuitamente e senza impegnativa. Solo con lo screening e la vaccinazione potremo riprendere una vita “normale”: in caso contrario rischiamo che a breve ripartano limitazioni”.