Menu
Cerca
Treviso

Rissa in centro scaturita da motivi di gelosia: applicata per la prima volta la “norma Willy”

Due cittadini hanno subito lesioni per cui hanno dovuto ricorrere alle cure mediche presso il locale nosocomio.

Rissa in centro scaturita da motivi di gelosia: applicata per la prima volta la “norma Willy”
Cronaca Treviso, 13 Dicembre 2020 ore 11:03

Nel pomeriggio del 28 novembre 2020, nelle vicinanze di un bar adiacente alla Loggia dei Cavalieri, cinque cittadini cingalesi hanno dato luogo ad una rissa, scaturita da motivi di gelosia, nel corso della quale due di loro hanno subito lesioni per cui hanno dovuto ricorrere alle cure mediche presso il locale nosocomio.

Sono stati denunciati

L’immediato intervento del personale delle Forze dell’ordine ha evitato il peggio e i cinque, condotti in Questura, sono stati denunciati.
Le condotte che sono state vagliate dalla Divisione anticrimine della Questura, prendendo in considerazione l’applicabilità del d.l. n. 130 del 2020, che ha introdotto la cosiddetta “norma Willy” dal nome di Willy Monteiro Duarte, il ragazzo ucciso nel pestaggio avvenuto a Colleferro lo scorso settembre.
La disposizione è stata concepita per incrementare la tutela preventiva nei confronti di certune fenomenologie criminali, considerate di rilevante allarme sociale; ora è possibile procedere, ad una misura di prevenzione, in base alla sola denuncia per i reati commessi in occasione di gravi disordini avvenuti in pubblici esercizi o nelle immediate vicinanze degli stessi

Applicata la norma

Pertanto, per la prima volta a Treviso, è stata applicato dal Questore il particolare divieto di accesso previsto dalla norma, in forza del quale gli autori del fatto non potranno accedere agli esercizi pubblici siti in quell’area cittadina per la durata di un anno.
In caso di violazione del divieto sono previste anche sanzioni penali, tra cui la reclusione, per cui la norma ha efficacia preventiva e dissuasiva per chi dovesse essere colto in futuro a commettere reati analoghi.

LEGGI ANCHE:

Sequestrati oltre 680mila prodotti cinesi pericolosi tra cui dispositivi medici, 31 denunce

TI POTREBBE INTERESSARE:

Incendio nel deposito di Contarina: distrutti alcuni mezzi per lo sfalcio dell’erba FOTO