Progetto

Sgambatura cani a Treviso, inaugurata la nuova area di vicolo San Bartolomeo

L’intervento rientra nel progetto di predisposizione di 8 nuovi spazi per gli amici a quattro zampe. Costo dell’opera 37.147 euro.

Sgambatura cani a Treviso, inaugurata la nuova area di vicolo San Bartolomeo
Treviso, 28 Agosto 2020 ore 16:36

Il progetto vede la collaborazione dell’Ufficio Affari Animali d’Affezione del Comune di Treviso ed ENPA – di predisposizione di 8 nuovi spazi verdi attrezzati e sicuri nel territorio comunale.

Stamattina il taglio del nastro

È stata inaugurata questa mattina, venerdì 28 agosto 2020, la nuova area sgambatura cani di vicolo San Bartolomeo rientrante nel progetto – che vede la collaborazione dell’Ufficio Affari Animali d’Affezione del Comune di Treviso ed ENPA – di predisposizione di 8 nuovi spazi verdi attrezzati e sicuri nel territorio comunale. L’area individuata, di proprietà comunale, è stata recintata con rete metallica di altezza pari a due metri, dotata di una bussola di dimensioni pari a 1,80 per 1,80 metri con doppio cancello pedonale per l’accesso dei fruitori dell’area (proprietari dei cani) e un cancello carrabile a due ante di tre metri per l’accesso dei mezzi idonei allo sfalcio dell’erba e la manutenzione delle alberature e degli arbusti esistenti.

Sgambatura cani a Treviso, inaugurata la nuova area di vicolo San Bartolomeo

Le caratteristiche dell’opera

In corrispondenza della bussola d’ingresso e della zona di collocamento della fontanella è stata prevista la realizzazione di piazzole pavimentate in masselli di calcestruzzo colorato per consentire un’agevole fruizione da parte degli utenti dell’area e creare una zona calpestabile “asciutta”, su cui è stato posizionato anche l’arredo urbano previsto. La maggior parte della recinzione perimetrale è stata realizzata con pannelli prefabbricati in rete plastificata rigida e stanti metallici a sezione quadrata, mentre alla base della stessa recinzione è stata predisposta una cordonata perimetrale di tipo stradale atta a creare una barriera all’eventuale scavo da parte dei cani. Mentre una parte dove era già esistente lo zoccolo in cemento è stata installata solo la rete metallica. Parte della vecchia recinzione in rete, ammalorata in molti punti, è stata asportata e smaltita in discarica. La nuova recinzione sul lato della canaletta esistente è stata arretrata rispetto alla preesistente di circa 1,50 metri, al fine di allontanarla rispetto al filare di vegetazione presente e per permettere, attraverso un cancello, la manutenzione del verde e del fossato stesso. Le due piazzole pavimentate in betonelle colorate sono state collegate tra loro da un vialetto pavimentato in sarone esistente atto a creare un collegamento tra le due aree pavimentate, evitando di calpestare il terreno che nei periodi invernali potrebbe essere particolarmente bagnato.

GUARDA QUI IL DETTAGLIO DEL PROGETTO

E’ costata circa 37mila euro

Il lavoro ha compreso il livellamento del terreno a seguito dei lavori di scavo per la posa delle cordonate. Nell’area è già presente l’impianto di illuminazione pubblica. Al fine di tutelare il benessere degli animali e migliorarne la fruibilità, l’area è inoltre dotata di un cartello informativo all’ingresso relativo alle modalità di fruizione dell’area, una nuova panchina, una fontana per l’approvvigionamento dell’acqua e due cestini per la raccolta differenziata dei rifiuti. Il costo dell’intervento è di 37.147 euro.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Gite in treno
Curiosità