Tragedia

Si tuffa in Sardegna e non riemerge più, addio Sara: “Ci mancherà il tuo sorriso”

Tragedia a Porto Torres, morta la 32enne Sara Rassu, trevigiana d'adozione che viveva col padre a Ponzano. Aveva lavorato a lungo all'Osteria "Da Nea" a Silea.

Si tuffa in Sardegna e non riemerge più, addio Sara: “Ci mancherà il tuo sorriso”
Treviso, 04 Settembre 2020 ore 11:43

Tragedia martedì in Sardegna per una trevigiana d’adozione che viveva a Ponzano e aveva lavorato a lungo a Silea.

Doloroso addio

“Ciao Sara, sei stata una costante e allegra scoperta, è stato davvero bello conoscerti. Ti penseremo sempre. Samanta, Walter, Nori e tutta Osteria da Nea“.

Così i gestori del locale trevigiano, dove aveva lavorato per diversi anni, hanno detto tristemente addio a Sara Rassu, 32 anni, annegata martedì scorso, 1 settembre 2020, dopo essersi tuffata in mare nella “sua” Sardegna.

La tragedia

La donna si era tuffata per un bagno da uno scoglio di Balai, a Porto Torres, sua città di origine dove peraltro era tornata all’inizio dell’emergenza Covid-19. Sara abitava ora a Ponzano con il papà. Nel pomeriggio dello scorso 1 settembre la 32enne, insieme ad alcune amiche,  aveva deciso di andare in spiaggia a Porto Torres. Po la voglia di farsi un bel bagno e il tuffo da uno scoglio. L’ultimo, purtroppo, perché dall’acqua Sara non è più riemersa. Dopo varie ricerche, a seguito dell’allarme lanciato dalle amiche che erano con lei, il suo corpo senza vita è stato ritrovato al largo di Porto Torres.

Disposta l’autopsia

Per far luce su cosa sia realmente successo si attendono gli esiti dell’autopsia, anche se i primi riscontri investigativi parlano di morte per asfissia da annegamento. Il funerale della ragazza si terrà in Sardegna.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Gite in treno
Curiosità