Cronaca
Vittorio Veneto

Suor Maria De Coppi uccisa in un attentato in Mozambico, Zaia: Figura indimenticabile"

Dal 1963 Suor Maria portava aiuto, sostegno, amore, dedizione alle popolazioni del Mozambico.

Suor Maria De Coppi uccisa in un attentato in Mozambico, Zaia: Figura indimenticabile"
Cronaca Vittorio Veneto, 07 Settembre 2022 ore 12:23

Suor Maria De Coppi è rimasta vittima di un terribile attentato avvenuto in Mozambico nella notte tra martedì 6 e mercoledì 7 settembre 2022.

Suor Maria De Coppi uccisa in un attentato in Mozambico

L'attentato nella missione in Mozambico è stato devastante. Lì vivevano 4 religiose e circa 80 tra ragazzi e ragazze, che sono stati messi in salvo. L'agenzia dei missionari Fides riporta che Suor Maria De Coppi sarebbe stata uccisa con un colpo di pistola alla testa mentre cercava di raggiungere il dormitorio per mettere in salvo alcune ragazze.

LE IMMAGINI DELL'ATTENTATO:

305843385_1217601945689234_2332460497724215788_n
Foto 1 di 5
305665033_1217601935689235_4391084838074463950_n
Foto 2 di 5
305844971_1217601942355901_3691440806905923816_n
Foto 3 di 5
305890730_1217601932355902_5145728959894092869_n
Foto 4 di 5
305756358_1217601939022568_7195161527491408615_n
Foto 5 di 5

A dare la notizia dell'attentato è stato il Centro missionario Concordia di Pordenone. Sopravvissuti all'attentato anche due preti friulani,   in missione in Mozambico da anni: si tratta di  don Lorenzo Barro, 58 anni, già parroco di Aviano, che si trova in quei luoghi da sei anni, e  don Loris Vignandel,  45 anni,   nato a Corva ed ex  parroco di Chions e cappellano a Concordia Sagittaria (Venezia), giunto in Mozambico nel 2018.

 

Chi era suor Maria De Coppi

Suor Maria Coppi aveva preso i voti il 29 settembre del 1960 e nel settembre di due anni dopo era partita per una  missione in Portogallo. Nel 1963 era poi arrivata in Mozambico, dove era tornata con nuove missioni nel 1997 e nel 2005. Aveva preso la cittadinanza mozambicana, proprio in ragione dei tanti anni passati da quelle parti.

Già in passato era scampata a un attentato in cui erano morte 17 persone: i guerriglieri avevano attaccato un convoglio su cui viaggiava anche lei, che si era buttata fuori dall'auto e gettata a terra sotto le pallottole. Era stata poi salvata da un soldato dell'esercito regolare.

Cordoglio di Zaia

Dal 1963 Suor Maria portava aiuto, sostegno, amore, dedizione alle popolazioni del Mozambico. E’ terribile, inaccettabile, dolorosissimo sapere che proprio lì, proprio mentre compiva la sua missione di pace e carità, è stata brutalmente assassinata”.

Con queste parole, il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia esprime il suo “immenso cordoglio” per la morte di Suor Maria De Coppi, originaria di Vittorio Veneto, avvenuta a causa di un attentato alla missione di Chipene.

“Il primo pensiero – prosegue il Governatore - va alla sua famiglia, a tutti coloro (e sono tanti) che le hanno voluto bene, alle Suore Comboniane di cui faceva parte, alla comunità di Vittorio Veneto, da cui era partita tanti anni fa per seguire la sua vocazione missionaria. La meravigliosa vita di bontà e altruismo di Suor Maria – conclude il Presidente – è finita con un terribile orrore, il che rende la sua figura ancora più grande, indimenticabile”.

Il Presidente Zaia rivolge anche un appello alla Farnesina perchè ci si adoperi con tutti i mezzi per favorire il rientro in Italia della salma di Suor Maria e degli altri missionari coinvolti nell'attacco.

Seguici sui nostri canali