Minaccia aggravata

“Ti ficco il coltello in pancia!”: diverbio fuori dallo sportello bancomat, artigiano di Farra di Soligo nei guai

Contestato a un 58enne, incensurato, il reato di minaccia aggravata. L'episodio risale allo scorso luglio in via Dei Colli.

“Ti ficco il coltello in pancia!”: diverbio fuori dallo sportello bancomat, artigiano di Farra di Soligo nei guai
Conegliano e Valdobbiadene, 18 Settembre 2020 ore 09:10

Il reato contestato a D.L. è la minaccia aggravata, che sarebbe stata commessa lo scorso 14 luglio 2020, nel tardo pomeriggio, proprio a Farra di Soligo.

Denunciato un 58enne

I Carabinieri della Stazione di Col San Martino hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Treviso il soggetto D.L., italiano, classe 1962, artigiano, incensurato, residente a Farra di Soligo.

Minaccia aggravata

Il reato contestato a D.L. è la minaccia aggravata, che sarebbe stata commessa lo scorso 14 luglio 2020, nel tardo pomeriggio, proprio a Farra di Soligo, all’esterno dello sportello bancomat di Via dei Colli. D.L., a seguito di un diverbio per futili motivi con un altro soggetto che si trovava sul posto, avrebbe estratto un coltello a serramanico e, brandendolo, avrebbe minacciato di morte la vittima, pronunciando la frase “ti conficco il coltello in pancia”.

Individuato grazie alle telecamere

L’identità di D.L. è stata accertata mediante i filmati delle telecamere di videosorveglianza dell’istituto di credito che hanno ripreso la scena.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità