San biagio di callalta

Trading ad alto rischio, trevigiano perde tutto: parte del capitale recuperato grazie all’associazione “Consumatori24”

Il caso di un uomo di mezza età, residente a San Biagio di Callalta, che aveva ricevuto una telefonata da un sedicente broker.

Trading ad alto rischio, trevigiano perde tutto: parte del capitale recuperato grazie all’associazione “Consumatori24”
Treviso, 03 Agosto 2020 ore 16:41

Molti, attratti dalla prospettiva di guadagno, decidono di intraprendere questo percorso. Il caso di un residente a San Biagio di Callalta.

Le modalità di approccio

Un contatto telefonico, solitamente dall’estero, per presentare la propria azienda e le possibilità di guadagno investendo un solo piccolo capitale. Molti, attratti dalla prospettiva di guadagno, decidono di intraprendere questo percorso e spesso, a seguito di un primo bonifico, viene riscontrato un buon guadagno anche fino al raddoppio del capitale di partenza, dopodiché il malcapitato viene convinto ad effettuare un nuovo bonifico per incrementare il fondo cassa all’interno della piattaforma.

“Specifichiamo che, come viene riferito dai clienti di queste società, nella maggior parte dei casi non si conoscono con certezza i mercati, i fondi e le azioni nei quali il denaro viene investito. Quello che si riscontra inizialmente è solo un continuo e costante aumento del denaro in cassa a riprova dei profitti, ma non finisce qui!”.

Decine di persone “ingolosite”: il caso trevigiano

Le telefonate si fanno più frequenti e con esse anche le richieste di nuovi versamenti, sempre maggiori, per accedere a nuovi progetti di investimento. Il cliente ormai fidelizzato a seguito dell’esponenziale crescita del capitale investito, decide di fidarsi e di bonificare nuovi importi. Improvvisamente però, ad ogni richiesta di disinvestimento e restituzione di una somma il capitale diminuisce, fino ad azzerarsi. Sorgono problemi burocratici ed il la somma investita sembra del tutto svanita, persa, il più delle volte non visibile nemmeno nel conto cassa presente nella piattaforma. Decine e decine sono le persone che essendosi ritrovate in queste spiacevoli situazioni hanno deciso di rivolgersi all’Associazione Consumatori24, tra essi un uomo di mezz’età, residente a San Biagio di Callalta.

“Il signore, come da prassi, aveva ricevuto una telefonata da un sedicente broker, il quale gli aveva esposto i vantaggi nell’intraprendere questo tipo di investimenti, e persuaso anche dalla notorietà della piattaforma, aveva investito dapprima qualche centinaio di euro per poi raggiungere con un cospicuo bonifico finale la cifra di 6mila euro. Tuttavia già dal giorno successivo all’ultimo versamento la somma non risultava più nelle casse della piattaforma: quel denaro era andato interamente ed inspiegabilmente perduto.

La diffida e l’accordo con la società

Consumatori 24 ha così provveduto tempestivamente a diffidare la Società Rodeler Ltd, con sede nel Regno Unito, ed ha sostenuto una lunga corrispondenza con la stessa, oltre ad attivare tutte le procedure necessarie al fine di raggiungere un congruo accordo. Nessuno infatti aveva avvisato il cliente trevigiano, una volta maturata la scelta di intraprendere un percorso di trading, riguardo i rischi legati alla possibilità di perdita del denaro. Dopo una lunga trattativa, Associazione Consumatori 24 ha raggiunto un accordo, la cui natura dei termini deve rimanere segreta, tuttavia la vertenza è stata risolta in maniera decisamente positiva con restituzione parziale del capitale. A seguito delle suddette vicende, ad oggi, la piattaforma della società di trading in questione risulta essere inaccessibile ed ha diffuso un avviso con il quale specifica che non è attualmente in grado di fornire servizi finanziari.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità