Cronaca
Coppia recuperata

Traffico vietato, ma loro vogliono salire sul Grappa e restano "piantati" nella neve con l'auto

Recuperata ieri sera dal Soccorso Alpino una coppia, lui 41 anni, di Castelfranco Veneto, lei 28 anni, di Abano Terme.

Traffico vietato, ma loro vogliono salire sul Grappa e restano "piantati" nella neve con l'auto
Cronaca Monte Grappa, 14 Gennaio 2022 ore 07:52

Ennesimo recupero di persone bloccate con l'auto dalla neve sul Monte Grappa, ieri sera, in una strada dove il traffico è vietato.

Traffico vietato, ma loro vogliono salire sul Grappa

Si è concluso nella serata di ieri, giovedì 13 gennaio 2022, l'ennesimo recupero di persone bloccate con l'auto dalla neve sul Monte Grappa, in una strada dove il traffico è vietato per chiusura stagionale. Attorno alle 17.50 su richiesta dei Vigili del fuoco e del Suem 118, il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa è stato attivato per una coppia, lui 41 anni, di Castelfranco Veneto (TV), lei 28 anni, di Abano Terme (PD), che, con l'intenzione di raggiungere Cima Grappa, si era immessa con la propria macchina sulla strada provinciale che dal Monte Tomba porta sul Grappa, salvo rimanere piantata nella neve dopo il Monte Palon.

In collaborazione con i Vigili del fuoco, una squadra ha raggiunto in quad i due, li ha trasportati fino al fuoristrada, per accompagnarli poi con quello a Possagno, dove sarebbero andati a prenderli.

"Ribadiamo che, a parte la Strada Cadorna, il resto della viabilità risulta chiuso al traffico e le carreggiate sono quasi ovunque ricoperte di neve e ghiaccio".

Infortunio dopo la caduta nella trincea

Poco prima delle 13, sempre di ieri, la Centrale operativa di Treviso ha allertato il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa, per un escursionista scivolato in una trincea della Grande Guerra sul Monte Palon. L'uomo, M.R., 53 anni, di Maserada sul Piave (TV), che stava percorrendo con amici il sentiero che costeggia le trincee, era caduto all'interno del manufatto militare per circa 4 metri, riportando un sospetto trauma alla caviglia.

Arrivato sul posto, l'elicottero del Suem di Treviso emergenza ha provveduto al recupero dell'infortunato, trasportato poi all'ospedale di Montebelluna. Una squadra di soccorritori era pronta ad intervenire in supporto alle operazioni.