Doppio "regalo" alla città

Treviso, “Tema Cultura” apre un nuovo teatro – GALLERY

La direttrice artistica Giovanna Cordova: “La cultura non si ferma. Soffocarla sarebbe un errore imperdonabile”.

Treviso, “Tema Cultura” apre un nuovo teatro – GALLERY
Treviso, 29 Ottobre 2020 ore 16:10

Ieri mattina la direttrice artistica dell’associazione di promozione sociale Giovanna Cordova ha consegnato al primo cittadino di Treviso Mario Conte le chiavi del nuovo Teatro La Stanza, in via Pescatori 23, nel cuore del centro storico.

Ieri la presentazione

«Il nuovo Dpcm ci impone uno stop fino al 24 novembre. L’augurio è che da quel giorno si possa ripartire, perché c’è sete di cultura e soffocarla sarebbe un errore imperdonabile. Nell’attesa, anziché stare con le mani in mano, abbiamo voluto comunque svelare la stagione 2020-’21 de La Stanza Spazio Eventi di via Pescatori, pensata proprio per la nuova vita di questo luogo: nato come uno spazio in cui incontrarsi per fare, guardare, ascoltare cultura, è diventato un vero teatro, che oggi abbiamo consegnato a Treviso».

È con queste parole che la direttrice artistica di Tema Cultura Giovanna Cordova ha presentato l’omaggio dell’associazione di promozione sociale alla città. Un “regalo” al quadrato: non appena sarà possibile ricominciare, il palcoscenico allestito nel cuore del centro storico ospiterà una lunga carrellata di spettacoli pensati come punto d’incontro tra le più diverse forme d’arte che, messe sotto i riflettori, si mescoleranno fino a trasformarsi in qualcosa di mai visto prima.

Cinque filoni differenti per 38 appuntamenti totali

La rassegna si intitola non a caso “Metamorfosi” e si articola in cinque filoni differenti per 38 appuntamenti totali, che avranno per protagonisti fotografi, letterati, accademici, attori, artisti e artigiani di rinomata fama. A fare da filo conduttore, il desidero di suggerire agli spettatori prospettive nuove, come lasciapassare per allungare lo sguardo alla conquista di territori finora inesplorati. Da Edoardo Siravo a Titino Carrara, dai versi di Dante alle gabbie d’acqua di Fabrizio Plessi: tra prime regionali e prime assolute, il filone “La stanza del teatro” propone otto spettacoli teatrali che saranno messi in scena da grandi nomi del panorama italiano e compagnie emergenti. Voci che risuoneranno inoltre in occasione delle masterclass, lezioni promosse per raccontare il teatro in prima persona ad attori esordienti o aspiranti tali.

Teatro per adulti, ma non solo. Per il ciclo “La stanza dei bambini”, Tema Academy e la compagnia emergente Fumo Bianco (cinque giovani professionisti, tutti trevigiani) interpreteranno le pagine più belle della letteratura per l’infanzia. Non mancherà un omaggio a Gianni Rodari, nato esattamente cento anni fa. La curatela della rassegna teatrale è di Giovanna Cordova, direttrice artistica di Tema Cultura. E a proposito di letteratura, a firmare i quattro incontri del filone “La stanza dei libri” è l’editor e critica letteraria, direttore del Circolo dei Lettori di Milano, Laura Lepri: due incontri saranno dedicati alla conoscenza più da vicino di altrettanti casi letterari tra le ultime novità in libreria; due avranno invece come focus due grandi autori veneti del Novecento, Goffredo Parise e Andrea Zanzotto, dei quali nel 2021 ricorrerà il centenario della nascita. Nel fitto calendario della stagione 2020-’21 targato La Stanza ci sarà spazio anche per tre novità assolute: i tre filoni “La stanza della fotografia”, “La stanza dell’arte” e infine “La stanza delle botteghe”. Del primo fanno parte le quattro mostre raccolte sotto il titolo “Con i tuoi occhi”, pensate dalla fotografa Maristella Viotto per fare luce sul senso profondo ed emozionale degli scatti frutto dell’ingegno di quattro fotografi che vivono e lavorano a Treviso. Nel secondo, l’accento sarà posto sull’immenso patrimonio artistico e culturale di cui il nostro territorio può fregiarsi, dalle ville venete ai recenti interventi di restauro realizzati in città. Del programma si è occupato il ricercatore e docente universitario Roberto De Feo.

Curato da Giovanna Poggi Marchesi, il terzo filone punterà infine i riflettori sulle creazioni di cinque artigiani. Le loro invenzioni saranno descritte attraverso testi e sceneggiature incentrati sulle suggestioni sensoriali che hanno fatto da fonte di ispirazione.

«In questi giorni difficili più che mai la cultura avrebbe potuto rappresentare per molti un’oasi felice, foriera com’è di emozioni positive ed impulsi vitali. Il doveroso rispetto delle nuove normative anti-Covid introdotte dall’ultimo Dpcm ci impone un aggiornamento al 24 novembre. Fino a quel giorno La Stanza Spazio Eventi sarà aperta ai visitatori che vorranno venire a vedere la mostra fotografica “Con i miei occhi” di Maristella Viotto, il primo appuntamento della ricca rassegna messa a punto per il nuovo teatro» il commento di Giovanna Cordova, responsabile de La Stanza.

E ancora:

«Da luoghi come questo nuovo teatro dovrà ripartire, ancora una volta, il mondo della cultura in un momento particolarmente delicato» afferma il sindaco di Treviso Mario Conte. «La musica, la bellezza, lo spettacolo, i contenuti in grado di arricchire gli spettatori e fare anche riflettere sono importantissimi ed è per questo che apprezziamo la grande passione, lungimiranza e disponibilità di Giovanna Cordova nella condivisione di un progetto nato in città e per la città».

«Dal 2019 ad oggi, grazie al lavoro fatto dall’Amministrazione in tandem con Tema Cultura, questo luogo si è lentamente trasformato fino a diventare un vero e proprio teatro. Assistere e partecipare a questa trasformazione è stato per me motivo di grande orgoglio perché – come testimoniato dall’interessante cartellone della stagione 2020-’21 de La Stanza – si tratta di un luogo dall’immenso potenziale. Potenzialità in grado di perseguire uno tra gli obiettivi cardine di questa Amministrazione, ovvero arricchire la nostra città di iniziative di spessore, per rendere il nostro tessuto culturale sempre più forte» dichiara Lavinia Colonna Preti, Assessore ai Beni Culturali e al Turismo del Comune di Treviso.

La rassegna è patrocinata dal Comune di Treviso e dalla Regione Veneto.

Ingressi

Rassegna teatrale:

Posto unico numerato 15 euro – Soci Tema Cultura 10 euro. L’ingresso è comprensivo di aperitivo-incontro con l’artista. Abbonamento 8 spettacoli 110 euro

  • “La stanza dei bambini” – Posto unico numerato 5 euro
  • Incontri letterari e conferenze – Posto unico numerato 10 euro. L’ingresso è comprensivo di aperitivo-incontro con l’artista
  • Serata spettacolo presentazione autori rassegna fotografica – Posto unico numerato 5 euro. Le mostre saranno visitabili nel periodo di permanenza dal mercoledì al sabato dalle 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 18.30
  • Rassegna “La Stanza delle botteghe” – Mostra mercato aperta dal giovedì al sabato dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.30
4 foto Sfoglia la gallery

LEGGI ANCHE:

Treviso eletta Città Europea dello Sport 2022, Conte: “Grande orgoglio!”

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità