Iniziativa

Treviso Urbs Picta: arriva “Coloramisù”, il progetto per farla rivivere

Una raccolta fondi tutta trevigiana per la ricostruzione virtuale degli affreschi.

Treviso Urbs Picta: arriva “Coloramisù”, il progetto per farla rivivere
Treviso, 10 Giugno 2020 ore 15:14

Un progetto pilota per stimolare la creatività dei trevigiani e far rivivere così la “città dipinta”.

Presentato oggi a Ca’ Sugana

È stato presentato oggi, mercoledì 10 giugno 2020, a Ca’ Sugana “Coloramisù”, progetto pilota per stimolare la creatività dei trevigiani e far rivivere così la “città dipinta”, appellativo che storicamente definisce Treviso per le case affrescate e le raffinate rappresentazioni sulle facciate dei palazzi. L’iniziativa, sviluppata e coordinata da Caterina Munafò, si inserisce fra le nuove iniziative che l’Amministrazione comunale di Treviso ha scelto di riconoscere e promuovere, per il rilancio culturale e turistico della Città e del suo interessante patrimonio d’arte.

Protagonisti gli stessi trevigiani

Grazie ad una raccolta fondi che nasce dai cittadini stessi, Treviso potrà intraprendere una ricostruzione virtuale del suo secolare tesoro artistico. I protagonisti saranno gli stessi trevigiani: il progetto infatti si aprirà nella sua prima fase già in settembre con una rassegna di laboratori, guidati da artisti e storici dell’arte che proporranno l’esperienza dell’affresco, dove saranno create opere ispirate alle antiche decorazioni della Urbs Picta. Le migliori opere prodotte durante questi laboratori saranno trasferite su supporto digitale e poi proiettate direttamente sulle facciate dei palazzi, dove potremo ammirarle nell’effetto che potevano creare un tempo. La scelta delle proiezioni luminose, che è prevista a Natale 2020, oltre a ricreare la bellezza ed il fascino è assolutamente rispettosa per la materia degli edifici. Un’esperienza alla portata di tutti e unica nel suo genere, un’occasione di rinascita, proprio in un momento in cui la ripartenza è divenuta un obiettivo e una sfida per riscoprire e raccontare questa peculiarità della nostra Città.

Crowdfunding solo primo step: “Progetto identitario”

Tra i principali artefici e sostenitori del progetto c’è anche Mario Botter che, in continuità alla tradizione di famiglia, conferma quell’amore per le cose belle e un profondo senso di appartenenza alla nostra Città. La campagna di crowdfunding “Coloramisù Fai rinascere Treviso Città dipinta” è attiva in questi giorni nella sezione Arte del sito produzionidalbasso.com (e continuerà fino al 25 giugno). Ma questo è solo il primo step che conclude la fase di incubazione del progetto, durata circa un anno all’interno del bando Artistic: il progetto “Coloramisù Fai rinascere Treviso Città dipinta” si appresta ora ad un nuovo rilancio, ed il modello partecipativo della raccolta fondi dal basso, che è quello che meglio si sposa alle caratteristiche dell’iniziativa nel territorio, è pronto ad essere replicato anche in altre piattaforme di crowdfunding.

«Coloramisù rientra fra le iniziative che sosteniamo per promuovere i tesori dell’”Urbs picta” che risalgono addirittura al XIII secolo», afferma l’assessore ai Beni Culturali e Turismo Lavinia Colonna Preti. «Gli aspetti più interessanti e identitari di questo progetto sono la partecipazione dei trevigiani e la possibilità di proiettare la ricostruzione degli affreschi attraverso la tecnica del videomapping, che unisce la bellezza dell’arte all’innovazione della realtà aumentata».

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità