Una serata di gala per celebrare i talenti di Vedelago

Una manifestazione all'insegna delle eccellenze e della solidarietà. Si sono presentati all'appuntamento anche ospiti internazionali che hanno portato i loro racconti di solidarietà.

Una serata di gala per celebrare i talenti di Vedelago
Cronaca Castelfranco, 14 Giugno 2019 ore 10:32

Serata incredibile con uno dei monumenti del basket italiano come Riccardo Pittis, campione delle Benetton Basket e della Nazionale Italiana. Serata intensa, denominata “Il meglio che c'è ...a Vedelago”.

Un galà delle eccellenze del paese organizzata dal Comune di Vedelago con contributo di Credito Trevigiano, per celebrare i talenti vedelaghesi chi si sono distinti in modo particolare in campo scolastico, nello sport e, in qualche caso, con gesti di generosità di rilievo. Fra i 600 partecipanti riunitisi in Piazza Martire della Libertà si è distinta la presenza del Prefetto di Treviso Maria Rosaria Laganà.  La giornata è stata aperta dal taglio del nastro de “Il villaggio delle belle notizie”, un'iniziativa che ha visto i ragazzi delle classi terze delle scuole medie "scovare" 154 notizie inerenti a gesti di altruismo, esperienze di volontariato e generosità. Gli alunni hanno anche contattato i protagonisti delle notizie, e una quindicina di questi si sono presentati all'evento portando la loro testimonianza diretta.

Un'evento all'insegna della solidarietà

Maria Brandt, giunta dalla Germania per raccontare la storia di Giulia Grace, moglie di Andrea Bizzotto, un giovane bassanese scomparso nei primi mesi di quest'anno a causa di una malattia incurabile. Andrea, prima di morire, ha scritto il libro “Un maldestro in bicicletta”, una raccolta di 19 lettere che il padovano  ha voluto lasciare alla figlia che non ha avuto il tempo di crescere. “Mio marito è il migliore papà de mondo, - racconta Maria Brandt - perchè si è assicurato di essere un padre per Giulia anche dopo la sua morte. Il libro e la canzone sono i migliori regalo che io e Giulia potessimo avere”.

Il caso di Endris Borsato, il giovane di 35 anni che poche settimane fa, mentre andava al lavoro nelle prime ore del mattino nei pressi di Fossalunga si è accorto del fumo che usciva dalle finestre della casa della famiglia Maritan salvandoli prima che scoppiasse l’incendio.Da un gesto eroico e disinteressato è nato poi un circolo virtuoso di generosità. Il giovane, infatti, ha voluto regalare la sua ricompensa alla famiglia Livotto, che a sua volta ha scelto di consegnare la donazione ad una associazione che si occupa di malattie rare.

Alla consegna del premio erano presenti il neo comandante provinciale dei Vigili del Fuoco Ing. Giuseppe Lomoro, il sindaco di Volpago del Montello Paolo Guizzo dove Endris e nato e vive; il sindaco di Trevignano Ruggero Feltrin e Marzio Favero il sindaco di Montebelluna, dove vive la famiglia Livotto.

Clou della serata, la consegna delle borse di studio agli studenti che hanno concluso la Scuola Media, le superiori, o conseguito la laurea triennale o magistrale con ottimi voti. Anche la consegna dei riconoscimenti agli sportivi vedelaghesi che si sono distinti per i risultati raggiunti. La serata è stata allietata dal gruppo Leaves The Memories.

Tra i premiati anche Angelica Cavallin dell’Asd Pattinaggio Fossalunga. Nata a Castelfranco Veneto e residente a Fossalunga, Angelica si è classificata nel 2016 al primo posto nel Grand Prix FIHP ed è campionessa provinciale e regionale nella specialità "Solo Dance", titolo che le è valsa la convocazione come rappresentante del Veneto al Trofeo delle Regioni che si terrà a settembre.