AGGIORNAMENTO

Vaccino Covid: “Partite in Veneto le prime rilevazioni” | +3753 positivi | Dati 19 novembre 2020

Il Governatore ha sottolineato come a preoccupare di più sia ancora l'area non critica. E sui vaccini l'aggiornamento della dottoressa Russo.

Vaccino Covid: “Partite in Veneto le prime rilevazioni” | +3753 positivi | Dati 19 novembre 2020
Treviso, 19 Novembre 2020 ore 13:40

Punto stampa quotidiano da Marghera con gli ultimi aggiornamenti sul fronte Covid e non solo.

Bollettino aggiornato

47.132 tamponi effettuati (tra rapidi e molecolari) nelle ultime 24 ore, +3.753 positivi da ieri, 36.887 persone in isolamento, ricoverati 2.242 (+50), in terapia intensiva 296 (+5), morti +38, dimessi +109 nelle ultime 24 ore.

“La tensione resta alta con quasi 300 persone in terapia intensiva, anche se a preoccupare di più è l’area non critica – ha detto Zaia – Poi bisogna anche dire che abbiamo diversi ingressi in terapia intensiva per incidenti e altre situazioni non Covid che durante il lockdwn di marzo non avevamo”.

Veneto “giallo” e Pedemontana

Poi il Governatore è tornato sul tema del “colore” delle regioni e sulla richiesta delle stesse al Governo di cambiare i parametri riducendoli a 5. “Sono parametri tecnici, non politici”, ha sottolineato il presidente.

“Oggi a mezzogiorno inoltre abbiamo aperto il tratto della Pedemontana da Breganze a Bassano, con l’88% della struttura cantierata ormai. Entro la primavera del 2021 sarà completata, con il dimezzamento dei tempi di percorrenza”

Test rapidi sì o no

Zaia ha poi confermato che i  componenti del Cts regionale hanno scritto un nota ai referenti nazionali per suffragare con ulteriori evidenze scientifiche l’affidabilità dei tamponi rapidi, specialmente per chi è in prima linea. In particolare il livello di attendibilità al di sopra di una certa carica virale.

Vaccino anti Covid: parla l’esperta

Ha preso poi la parola la dottoressa Francesca Russo, che ha ragguagliato sull’atteso vaccino Covid.

“Tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo dovrebbe essere disponibile a livello nazionale e poi regionale, ma non abbiamo ancora i numeri. Sono partite però da parte nostra le prime rilevazioni, per capire quante strutture sul territorio possono ospitare il vaccino Pfizer che richiede determinate temperature e tra domani e lunedì manderemo la relazione”.

Per il vaccino antinfluenzale invece, la dottoressa ha confermato la difficoltà di approvvigionamento:

“Richiesta è stata ancora superiore a nostre disponibilità, per cui ora abbiamo richiesto altre 50mila dosi e stiamo cercando di reperirne altre per garantire vaccinazione a tutti. Come scorta ci siamo tenute 30mila dosi da distribuire in caso di emergenza ai farmacisti”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità