I fiati dell’Accademia di Santa Cecilia e Pietro De Maria al pianoforte al Teatro Comunale di Treviso

Mercoledì 3 aprile alle 20.45 il concerto; in programma musiche di Mozart e Beethoven.

I fiati dell’Accademia di Santa Cecilia e Pietro De Maria al pianoforte al Teatro Comunale di Treviso
27 Marzo 2019 ore 14:42

I fiati dell’Accademia di Santa Cecilia e Pietro De Maria al pianoforte al Teatro Comunale di Treviso. Mercoledì 3 aprile alle 20.45 il concerto; in programma musiche di Mozart e Beethoven.

I fiati dell’Accademia di Santa Cecilia e Pietro De Maria al pianoforte al Teatro Comunale di Treviso

Mercoledì 3 aprile alle 20.45 si terrà  il concerto dei fiati dell’Accademia di Santa Cecilia e Pietro De Maria al pianoforte conclude la stagione concertistica del Teatro Comunale di Treviso. In programma musiche di Mozart (Divertimento n. 1 K 439b per oboe, clarinetto e fagotto Quintetto per pianoforte e fiati in mi bem. magg. K 452) e Beethoven (Variazioni per oboe, clarinetto e fagotto WoO28 sul tema “Là ci darem la mano” di W.A. Mozart Quintetto per pianoforte e fiati in mi bem. magg. op. 16). Alle 20, al Ridotto del Teatro, il musicologo Mirko Schipilliti incontrerà il pubblico per un’introduzione all’ascolto delle musiche in programma.

I fiati di Santa Cecilia

Primo Clarinetto dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia dal 2003, Alessandro Carbonare per 15 anni ha ricoperto la stessa carica nell’Orchestre National de France. Sempre nel ruolo di Primo Clarinetto ha avuto importanti collaborazioni anche con i Berliner Philarmoniker, la Sinfonica di Chicago e la Filarmonica di New York. Si è esibito come solista, tra le altre, con l’Orchestra Nazionale di Spagna, la Filarmonica di Oslo, l’Orchestra della Radio Bavarese di Monaco, l’Orchestre National de France, la Wien Sinfonietta, l’Orchestra della Radio di Berlino, la Tokyo Metropolitan Orchestra e tutte le più importanti orchestre italiane. È da sempre membro del Quintetto Bibiena e collabora regolarmente con eminenti artisti, anche in programmi jazz e Klezmer. Professore ospite in alcuni tra i più importanti conservatori del mondo, ha anche fatto parte delle giurie di concorsi internazionali. Su personale invito di Claudio Abbado, è stato Primo Clarinetto nell’Orchestra del Festival di Lucerna Ha registrato per Harmonia Mundi e JVC Victor. È professore di Clarinetto all’Accademia Musicale Chigiana di Siena.

Primo Fagotto Solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia dal 1985, Francesco Bossone collabora con la Lucerna Festival Orchestra e l’Orchestra Mozart, invitato da Claudio Abbado, la Human Rights Orchestra, l’Orchestra Filarmonica della Scala, e con l’Orchestra da Camera di Mantova. È stato invitato dalla Mahler Chamber Orchestra e ha collaborato con Lorin Maazel e la Symphonica Toscanini. Svolge un’intensa attività concertistica sia come solista che camerista. Dal 1996 al 1998, su invito di Daniele Gatti è stato Primo Fagotto Solista alla Royal Philarmonic Orchestra di Londra. Con l’Orchestra da Camera di Mantova ha eseguito numerosi concerti solistici. Ha collaborato con i più importanti direttori d’orchestra e, in formazioni cameristiche, con artisti di fama internazionale. È docente del Corso Annuale di Alto Perfezionamento di Fagotto presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia ed ha la cattedra di Fagotto presso il Conservatorio di Campobasso.

Considerato dal pubblico e dalla critica come uno dei migliori oboisti nel panorama internazionale, Francesco Di Rosa ricopre attualmente il ruolo di Primo Oboe Solista nell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Dal 1994 al 2008 è stato Primo Oboe Solista dell’Orchestra del Teatro alla Scala e della Filarmonica sotto la direzione di Riccardo Muti e Daniel Barenboim. Ha vinto il secondo premio allo Jugendmusik Wettbewerb 1988 di Zurigo e ad altri 6 concorsi nazionali di musica da camera. Ha suonato nelle sale da concerto più prestigiose del mondo, diretto da celebri direttori d’orchestra. Ha inciso gran parte del repertorio oboistico per Emi, Thymallus, Bongiovanni, Preiser Records, Musicom, Real Sound, Tactus, Dad Records, Aulia, Brilliant e per la rivista Amadeus. È stato Vice Presidente della Filarmonica della Scala. È socio fondatore del movimento Musicians for Human Rights e della Human Rights Orchestra. Insegna Oboe all’Accademia di Santa Cecilia.

Primo corno dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Guglielmo Pellarin, collabora con rinomate orchestre del panorama internazionale, tra cui Lucerne Festival Orchestra, Orchestra Mozart e Human Rights Orchestra. È cornista del Quintetto di Fiati Italiano e dell’Opter Ensemble, e ospite, in veste di solista o di camerista, di festival e stagioni concertistiche. Assieme a Federico Lovato ha registrato per l’etichetta Audite una monografia dedicata alla musica francese per corno e pianoforte. Spesso invitato a tenere masterclass e corsi di perfezionamento, è docente di Corno presso i corsi dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e presso il Conservatorio C. Pollini di Padova.

Pietro De Maria

Dopo aver vinto il Premio della Critica al Concorso Tchaikovsky di Mosca nel 1990, Pietro De Maria ha ricevuto il Primo Premio al Concorso Internazionale Dino Ciani – Teatro alla Scala di Milano (1990) e al Concorso Géza Anda di Zurigo (1994). Nel 1997 gli è stato assegnato il Premio Mendelssohn ad Amburgo. La sua intensa attività concertistica lo vede solista con prestigiose orchestre e celebri direttori Diplomatosi sotto la guida di Gino Gorini, si è perfezionato con Maria Tipo al Conservatorio di Ginevra, dove ha conseguito nel 1988 il Premier Prix de Virtuosité con distinzione. È il primo pianista italiano ad aver eseguito pubblicamente l’integrale delle opere di Chopin in sei concerti. Ha registrato l’integrale delle opere di Chopin, il Clavicembalo ben temperato e le Variazioni Goldberg per DECCA, ricevendo importanti riconoscimenti dalla critica specializzata. È Accademico di Santa Cecilia e insegna al Mozarteum di Salisburgo. È nel team di docenti del progetto La Scuola di Maria Tipo organizzato dall’Accademia di Musica di Pinerolo.

Informazioni e ticket

Prezzi biglietti: da € 12,00 a € 38,00. Un’ora prima dell’inizio dello spettacolo sarà possibile acquistare biglietti a 15 Euro per persone di età superiore ai 19 anni; a 8 Euro per persone di età inferiore ai 19 anni. Acquistando online su www.boxol.it o www.teatrocomunaletreviso.it si può usufruire della Carta del Docente e della 18app. Info: 0422 540480.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Gite in treno
Curiosità