Il Cavaliere misterioso. Un ritratto di ufficiale austriaco nella stanza del sindaco

A Montebelluna, in Municipio, c'è un quadro che nessuno riesce a capire come ci sia arrivato

Il Cavaliere misterioso. Un ritratto di ufficiale austriaco nella stanza del sindaco
Cultura Montebelluna, 03 Aprile 2019 ore 18:39

Il Cavaliere misterioso. C’è un quadro, un ritratto di un ufficiale probabilmente austriaco, che si trova in Municipio a Montebelluna, proprio all’interno della stanza del sindaco Marzio Favero, che è avvolto nel mistero. Nessuno sa di chi si tratti. “Ho chiesto anche ad alcuni storici locali, ma nessuno ha saputo darmi un’indicazione”, dice il primo cittadino.

Il Cavaliere misterioso

Il ritratto, olio su tela, è di pregevolissima fattura e ritrae quest’uomo austero, con una folta e curatissima barba, che sfoggia al petto una croce austriaca dell’Ordine Imperiale di Leopoldo, una Croce da Cavaliere con decorazione di guerra in bronzo dorato con smalti e marchi sull'anello di sospensione, con la scritta “Integritati et merito”, appesa a un nastro a triangolo bianco e rosso, colori dell’impero Austriaco. Dietro alla medaglia, era invece incisa la scritta “Opes Regum corda subditorum” (La ricchezza dei re sta nell'amore dei sudditi), il motto di Leopoldo. Al centro uno scudetto circolare con le iniziali "FIA" (Franciscus Imperator Austrie) in oro su fondo rosso. La decorazione era sostenuta al nastro da una corona imperiale in smalti. L'Ordine venne istituito dall'imperatore Francesco I d’Austria il 14 luglio 1808 in memoria del suo predecessore, Leopoldo II. L’imperatore fondò l’Ordine il giorno del suo fidanzamento con Maria Ludovica d’Asburgo-Este, che sarebbe divenuta di lì a poco la sua terza moglie. L'Ordine era suddiviso in tre classi di benemerenza: Cavaliere di gran croce, Commendatore, Cavaliere. Il nostro sconosciuto uomo del ritratto mostra la croce da Cavaliere. Gli insigniti della croce di Cavaliere, fino al 18 gennaio 1884, avevano il diritto di portare il titolo di Cavaliere dell’Impero, i commendatori quello di Barone e le Gran Croci avevano la possibilità di essere ammessi quali Consiglieri intimi di Sua Maestà Imperiale e Reale austriaca. L’Ordine cessò la sua esistenza nel 1918.

Detto questo, resta il mistero di come un Cavaliere dell’Impero austriaco troneggi alle spalle del sindaco di Montebelluna, chi abbia realizzato il dipinto e perché sia rimasto così caro alla Città di Montebelluna tanto da conservarlo in Municipio, ricordandoci che gli austriaci hanno occupato Montebelluna dal 1814 al 1866.