Treviso

Dopo la Tari, Arera riduce le bollette elettriche delle imprese, accolte le proposte di Confartigianato

Se alla data di entrata in vigore del provvedimento dell'Autorità, fossero già state emesse fatture relative al corrente mese di maggio, i conguagli spettanti dovranno essere effettuati entro la seconda fatturazione successiva.

Dopo la Tari, Arera riduce le bollette elettriche delle imprese, accolte le proposte di Confartigianato
Treviso, 30 Maggio 2020 ore 10:44

Una notizia positiva dopo le richieste di Confartigianato.

Alleggerire le bollette

Sono 600 milioni di euro i fondi stanziati per alleggerire le bollette dell’energia elettrica delle imprese artigiane e delle pmi per fronteggiare le difficoltà economiche delle stesse derivanti dall’emergenza Covid-19. Una notizia assolutamente positiva che si somma a quella delle scorse settimane relativa alla rideterminazione del calcolo della tariffa rifiuti da parte di ARERA, l’Autorità di regolazione per l’energia le reti e l’ambiente.

Le richieste di Confartigianato

Vendemiano Sartor, presidente di Confartigianato Imprese  Marca Trevigiana, a tal proposito ha spiegato:

“Due richieste , quelle del ricalcolo della tariffa rifiuti e quella del ribasso dei costi fissi della bolletta elettrica,  che la nostra Associazione ha fermamente sostenuto e voluto per dare un segnale concreto di sostegno e vicinanza alle imprese associate che si traduce in risparmi che variano, a seconda della potenza impegnata del singolo impianto, da 15euro sino a oltre 200 euro nel trimestre maggio / luglio 2020″.

Un notevole risparmio

Nella Marca l’intervento sulla quota potenza della bolletta assicurerà un monte risparmio pari a oltre 2 milioni di euro al mondo artigiano.  Attraverso la leva della diminuzione dei costi delle voci di “trasporto e gestione del contatore” e “oneri generali di sistema” per i  mesi di maggio, giugno e luglio, le utenze non domestiche connesse in bassa tensione  con potenza superiore a 3 kW,  si vedranno quasi azzerato il costo relativo alla potenza e verrà loro applicata una quota fissa di importo ridotto, fissata convenzionalmente a quella corrispondente alla potenza impegnata di 3 kW, ovvero 15 euro circa, senza ridurre in alcun modo il servizio effettivo in termini di potenza disponibile.Il presidente ha poi concluso:

La variazione al ribasso della bolletta si traduce in un’operazione di equità che va incontro a tutte quelle imprese che per decreto non hanno potuto dare continuità alla loro attività,  che diversamente si sarebbero viste addebitare costi non giustificati.  Se alla data di entrata in vigore del provvedimento dell’Autorità, fossero già state emesse fatture relative al corrente mese di maggio, i conguagli spettanti dovranno essere effettuati entro la seconda fatturazione successiva”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità