Rete su Telegram

#Ioapro1501: i ristoranti e bar aperti per protesta venerdì 15 gennaio a Treviso e provincia

Iniziativa nazionale di "disobbedienza gentile" promossa dai ristoratori italiani: apriranno violando il Dpcm, mettendo in conto anche una multa.

#Ioapro1501: i ristoranti e bar aperti per protesta venerdì 15 gennaio a Treviso e provincia
Economia Treviso, 14 Gennaio 2021 ore 16:54

Una grande iniziativa nazionale di protesta è in programma per domani, venerdì 15 gennaio 2021. Moltissimi ristoratori e baristi terranno aperti i loro locali violando intenzionalmente le restrizioni Covid e mettendo in conto anche una multa: una ribellione consapevole quindi, che parte dal presupposto in base al quale le restrizioni del Dpcm sono “illegittime”.

#Ioapro1501: ristoranti aperti per protesta

I promotori dell’azione di disobbedienza “gentile” invitano i commercianti a tenere aperto a pranzo e cena il 15 gennaio.

La pagina Facebook di riferimento è arrivata a quasi 18mila sostenitori, ma si parla di 50mila ristoratori pronti ad aderire.

GUARDA IL VIDEO CON LE FAQ:

Lo slogan che sta accompagnando l’iniziativa è: “Io apro per non chiudere più”.

L’organizzazione viaggia attraverso Telegram

Al di là di Facebook, è soprattutto Telegram, il servizio di messaggistica nato in Russia e in questi giorni in grande ascesa, il principale strumento che i ristoratori stanno utilizzando per “fare rete”.

Sul gruppo Telegram nazionale “IO APRO” non manca l’elenco completo dei gruppi regionali e provinciali delle attività che si stanno organizzando per prendere parte all’azione di disobbedienza civile.

E per dimostrare che fanno sul serio, c’è anche un servizio di supporto legale:

 

Mettono in conto anche una multa

L’intenzione, infatti, è quella accogliere con civiltà anche le Forze dell’ordine che si ritroveranno a emettere multe a coloro che rimarranno aperti nonostante le disposizioni governative.

Yuri Naccarella, fra i promotori del movimento Ioapro1501, che avete visto nel video Faq Poco sopra sostiene:

“Potete continuate a rimanere aperti, nonostante vi impongano dei giorni di chiusura, anzi dovete rimanere aperti, come abbiamo fatto noi, che nonostante le multe siamo rimasti aperti perché la chiusura è assolutamente illegittima”.

I promotori assicurano che rispetteranno tutte le norme anti-Covid, ma in zona rossa e in zona arancione però è consentito esclusivamente l’asporto e non la permanenza nel locale per pranzo o cena: i clienti saranno multati? In molti casi analoghi da Nord a Sud è successo, in questi mesi: bisognerà anche vedere quale sarà l’approccio delle Forze dell’ordine.

Il 15 gennaio 2021 a Treviso

Al momento, ad ufficializzare la propria partecipazione in provincia di Treviso sono stati:

Ristorante La Paterna, Giavera del Montello – Via Carretta, 34 

Ecco i gestori, cosa dicono:
“Teniamo a dire che la salute rimane certamente prioritaria per noi, per i nostri dipendenti e per i nostri clienti.
Oltre queste mura ci sono necessità, sogni e progetti che da giorni sembrano non avere pari dignità di altre realtà commerciali.
Domani non apriamo per incassare, apriamo per dare un segnale: vogliamo continuare a portare avanti il nostro lavoro, come tutti”.


Palestra gknl, San Zenone degli Ezzelini – Via G. Marconi

Osteria Ripasso, Conegliano – Via Fenzi 32

MA FRA I COMMERCIANTI, C’E’ ANCHE CHI DISSENTE

 

LEGGI ANCHE:

Decreto Covid 16 gennaio approvato: spostamenti, coprifuoco e zona bianca

Niente deroga per le seconde case fuori dalla regione col nuovo Dpcm

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità